Approfondimenti Giuridici - Consulente Legale Informatico

Collegamento al sito web www.consulentelegaleprivacy.itCollegamento al sito web www.consulentelegale231.itCollegamento al sito web www.consulenteconservazionesostitutiva.itCollegamento al sito web www.consulentelegalevideosorveglianza.it

NEWSLETTER

Gentile Visitatore per ricevere informazioni correlate al nostro sito può iscriversi alla nostra newsletter selezionando le tematiche di Suo interesse.

Per effettuare la cancellazione cliccare su CANCELLAZIONE ed inviare all'indirizzo mail la richiesta con oggetto CANCELLAZIONE ISCRIZIONE NEWSLETTER.


Skype Me !


Martedi, 2 settembre 2014 ore 15:58

Offerte Formative


Informazioni sui certificati SSL
DIRITTO INFORMATICO
  231
  Abuso informazioni vigilate
  Accertamento
  Accesso abusivo ad un sistema informatico...
  Adempimenti conseguenti ad una violazione...
  Adr
  Advertising on line
  Amministratore di sistema
  Attività particolarmente rischiose
  Autenticazione informatica
  Autorità di certificazione
  Banca Dati
  BBS
  Beta
  Biometria
  Blocco
  Cache
  CAD
  Carta d'identità elettronica
  Cessazione del trattamento
  Cloud computing
  Codice etico
  Commercio Elettronico
  Comunicazione
  Comunicazioni Telematiche
  Concorrenza sleale on line
  Conservatore accreditato
  Conservazione
  Conservazione sostitutiva di documenti analogici
  Contratti
  Controllo a distanza lavoratori
  Cookies
  Copyright
  Corruzione in atti giudiziari
  Credenziale autenticazione
  Cyberconsumatore
  Danneggiamento di sistemi informatici o telematici
  Danneggiamento sistemi informatici di pubblica utilità
  Danno Informatico
  Dati di ubicazione
  Dati giudiziari
  Dati identificativi
  Dati relativi al traffico
  Dati sensibili
  Dato anonimo
  Dato personale
  Detenzione e diffusione abusiva di codici di accesso
  Diffamazione on line
  Diffusione
  Diritto all’oblio
  Diritto della telefonia
  Diritto di accesso
  Diritto d’autore
  Diritto penale informatico
  Documento informatico
  Documento programmatico
  Documento programmatico sulla sicurezza
  Domain name
  Firma digitale
  Firma elettronica qualificata
  Frode Informatica ai danni dello Stato o altro ente
  Garante
  Illeciti penali
  Impronta digitale del documento
  Incaricati privacy
  Informativa
  Informativa "minima"
  Installazione apparecchiature atte a ...
  Intercettazioni, impedimento o ...
  Interessato
  Intermediazione tel.ca
  Manuale della conservazione sostitutiva
  Marca temporale
  Misspelling
  Misure minime
  Moneta elettronica
  Mousetrapping
  Normativa antinfortunistica
  Notificazione
  ODR
  ODV
  Outsourcing
  Pagamento elettronico
  Parola chiave
  Port scan
  Posizionamento
  Posta Elettronica
  Principio di necessità
  Privacy
  Provider
  Pubblica amministrazione
  Reati ambientali
  Reclamo
  Registrazione
  Registro delle opposizioni
  Regolamento informatico
  Responsabile della Conservazione
  Responsabile privacy
  Responsabilità content provider
  Responsabilità forum
  Responsabilità mailing list
  Responsabilità newsletter
  Rete pubblica
  Reti di comunicazione elettronica
  Ricorso
  Riferimento temporale
  Rilevazione
  Risoluzione
  Riversamento diretto
  Riversamento sostitutivo
  Safe Harbor
  Scopi scientifici
  Scopi statistici
  Scopi storici
  Screening sito web
  Segnalazione
  Separazione logica delle immagini registrate
  Sistema autorizzazione
  Sistemi integrati
  Sistemi intelligenti
  Software
  Sottoscrizione elettronica
  Spamming
  Spionaggio industriale
  Statuto dei Lavoratori
  Telelavoro
  Telemarketing
  Titolare privacy
  Trasferimento
  Trasferimento dati all’estero
  Trattamento
  Verifica preliminare
  Videosorveglianza
  Violazione dati personali
  Violazioni Amministrative
  Webmaster
Approfondimenti

Violazione della privacy: e qui casca Google!

Avv. Valentina Frediani

Google condannata per violazione della privacy. Ci stupiamo? Non direi che ci sia molto da stupirsi, direi piuttosto incredibile che succeda solo oggi e con Google.

La famiglia del disabile oggetto di aggressione pubblicata  in rete aveva a suo tempo ritirato la denuncia a seguito di chiarimenti con Google, ma la condanna è arrivata lo stesso. Perché?

Perche in Italia – anche se fin troppi sia tecnici del settore giuridico che semplici utenti lo ignorano – la violazione della privacy comporta la procedibilità d’ufficio. L’aspetto non è affatto di sola rilevanza tecnica: trattare illecitamente dei dati non è “riparabile” semplicemente nei confronti del singolo oggetto di illecito, perché viene un po’ considerato come un danno alla società. Quindi denuncia o non denuncia, la Procura può procedere autonomamente.  La responsabilità che il Tribunale ha sollevato a Google è quella di aver mancato di controllare i video immessi sulla piattaforma. 

E da un punto di vista giuridico non vedo di cosa ci si debba stupire.

Per lo meno alla luce dell’attuale normativa. Difatti, se da una parte la normativa europea è più che chiara delineando la non responsabilità di chi mette a disposizione degli spazi web, dall’altra laddove il titolare del medesimo possa esercitare o eserciti comunque un minimo di controllo e di gestione, rientra nella condivisione di responsabilità giuridica di che cosa viene pubblicato e passa su quelle pagine o in quegli spazi.

Questo non equivale a responsabilità nel caso di messa a disposizione di un  motore di ricerca: nessuna responsabilità può essere mossa in carico a Google che intervenendo snaturerebbe con atto “arbitrario” il senso del motore di ricerca, sul quale peraltro tutto questo controllo non credo possa esercitare.

Ma nel caso di disponibilità di uno spazio, di una piattaforma definita non neutrale  la responsabilità di consentire  l’immissione ma soprattutto il permanere  di certi contenuti, può configurarsi.

Google dal canto suo ritiene impensabile dover rispondere per condotte di terzi: basandosi su  una tesi giuridica simile Google dovrebbe trasformarsi in un vero”sorvegliatore”.   

Eppure  per la legge italiana in effetti potrebbe.

Gira e rigira si torna sempre al solito problema: se da una parte in effetti “stona” ritenere Google responsabile, dall’altra il problema non è mai CHI mette a disposizione uno spazio ma L’USO CHE NE VIENE FATTO. E tutto questo perché: chiunque può fare qualsiasi cosa. Che nella logica della rete è un bel concetto che fa respirare libertà, nella posizione di chi subisce certi atteggiamenti, diviene una trappola senza scampo.

Sarebbe pensabile che gli stessi ragazzi si fossero messi in una pubblica piazza a prendere a calci e pugni un disabile? No. Se fosse successo qualcuno sarebbe intervenuto, le persone sarebbero state identificate e portate  – nel caso di specie – dinnanzi al Tribunale dei Minori.

Allora perché può invece succedere di  caricare un video simile e lasciare che il mondo ne conosca i contenuti? Perché quelle persone  illudendosi  – hanno ritenuto che la rete fosse sinonimo di  dispersione ed anonimato.

Forse si dovrebbe ricominciare da questo punto, anche sotto il profilo giuridico. La rete non dà percezione del disvalore di quello che si fa. Per un solo motivo: non si sono limiti. Non li vogliamo? Rete=libertà. Ok, basta non finire dalla parte di chi ha subito, di chi viene diffamato, di chi rimane indicizzato e si porta dietro per una fetta di vita tutto quello che la rete raccoglie. Anche se a metterlo su sono dei delinquenti o semplicemente degli inetti. Non per buttarla sul sociale, ma giuridicamente evidentemente qualcosa non funziona. Carenza di normativa ad hoc, che non diventi proibitiva ma che disciplini e tuteli. Ma questo il legislatore vuole affrontarlo?

 

Il sito è di proprietà della Di & P s.r.l., gestito dalla medesima ed ospitante alcune pagine gestite dallo Studio Legale Frediani che contribuisce alla stesura di approfondimenti e news. Il sito non costituisce rivista elettronica.

La Di & P s.r.l. ha sede in Montecatini Terme, via Cividale n.51 interno 2. È iscritta presso il Registro delle Imprese di Pistoia con numero 167988 , P.IVA 01651060475.
Capitale sociale sottoscritto € 10.000 interamente versato

Tutti i siti del network Consulente Legale Informatico sono Copyright © 2002-2014 di DI & P srl - Powered by Romyx