Approfondimenti Giuridici - Consulente Legale Informatico

Collegamento al sito web www.consulentelegaleprivacy.itCollegamento al sito web www.consulentelegale231.itCollegamento al sito web www.consulenteconservazionesostitutiva.itCollegamento al sito web www.consulentelegalevideosorveglianza.it

NEWSLETTER

Gentile Visitatore per ricevere informazioni correlate al nostro sito può iscriversi alla nostra newsletter selezionando le tematiche di Suo interesse.

Per effettuare la cancellazione cliccare su CANCELLAZIONE ed inviare all'indirizzo mail la richiesta con oggetto CANCELLAZIONE ISCRIZIONE NEWSLETTER.


Skype Me !


Mercoledi, 20 agosto 2014 ore 10:47

Offerte Formative


Informazioni sui certificati SSL
DIRITTO INFORMATICO
  231
  Abuso informazioni vigilate
  Accertamento
  Accesso abusivo ad un sistema informatico...
  Adempimenti conseguenti ad una violazione...
  Adr
  Advertising on line
  Amministratore di sistema
  Attività particolarmente rischiose
  Autenticazione informatica
  Autorità di certificazione
  Banca Dati
  BBS
  Beta
  Biometria
  Blocco
  Cache
  CAD
  Carta d'identità elettronica
  Cessazione del trattamento
  Cloud computing
  Codice etico
  Commercio Elettronico
  Comunicazione
  Comunicazioni Telematiche
  Concorrenza sleale on line
  Conservatore accreditato
  Conservazione
  Conservazione sostitutiva di documenti analogici
  Contratti
  Controllo a distanza lavoratori
  Cookies
  Copyright
  Corruzione in atti giudiziari
  Credenziale autenticazione
  Cyberconsumatore
  Danneggiamento di sistemi informatici o telematici
  Danneggiamento sistemi informatici di pubblica utilità
  Danno Informatico
  Dati di ubicazione
  Dati giudiziari
  Dati identificativi
  Dati relativi al traffico
  Dati sensibili
  Dato anonimo
  Dato personale
  Detenzione e diffusione abusiva di codici di accesso
  Diffamazione on line
  Diffusione
  Diritto all’oblio
  Diritto della telefonia
  Diritto di accesso
  Diritto d’autore
  Diritto penale informatico
  Documento informatico
  Documento programmatico
  Documento programmatico sulla sicurezza
  Domain name
  Firma digitale
  Firma elettronica qualificata
  Frode Informatica ai danni dello Stato o altro ente
  Garante
  Illeciti penali
  Impronta digitale del documento
  Incaricati privacy
  Informativa
  Informativa "minima"
  Installazione apparecchiature atte a ...
  Intercettazioni, impedimento o ...
  Interessato
  Intermediazione tel.ca
  Manuale della conservazione sostitutiva
  Marca temporale
  Misspelling
  Misure minime
  Moneta elettronica
  Mousetrapping
  Normativa antinfortunistica
  Notificazione
  ODR
  ODV
  Outsourcing
  Pagamento elettronico
  Parola chiave
  Port scan
  Posizionamento
  Posta Elettronica
  Principio di necessità
  Privacy
  Provider
  Pubblica amministrazione
  Reati ambientali
  Reclamo
  Registrazione
  Registro delle opposizioni
  Regolamento informatico
  Responsabile della Conservazione
  Responsabile privacy
  Responsabilità content provider
  Responsabilità forum
  Responsabilità mailing list
  Responsabilità newsletter
  Rete pubblica
  Reti di comunicazione elettronica
  Ricorso
  Riferimento temporale
  Rilevazione
  Risoluzione
  Riversamento diretto
  Riversamento sostitutivo
  Safe Harbor
  Scopi scientifici
  Scopi statistici
  Scopi storici
  Screening sito web
  Segnalazione
  Separazione logica delle immagini registrate
  Sistema autorizzazione
  Sistemi integrati
  Sistemi intelligenti
  Software
  Sottoscrizione elettronica
  Spamming
  Spionaggio industriale
  Statuto dei Lavoratori
  Telelavoro
  Telemarketing
  Titolare privacy
  Trasferimento
  Trasferimento dati all’estero
  Trattamento
  Verifica preliminare
  Videosorveglianza
  Violazione dati personali
  Violazioni Amministrative
  Webmaster
Approfondimenti

Professione? Perito industriale in informatica

Omar Di Marzio

 Nello scenario professionale che ha caratterizzato lo scorso secolo abbiamo più volte visto comportamenti contrastanti, pareri discordi e commenti variopinti. Per la regolamentazione dei contrasti e controversie descritti, più di una volta i collegi e gli albi hanno avuto ruoli da protagonisti. A mano a mano che la tecnologie e le esigenze economiche hanno richiesto la presenza di nuove figure professionali, diversi presunti professionisti hanno invaso un campo del mercato in cui c’era un grande squilibrio tra domanda (forte) ed offerta (non ancora equilibrata), con il solo scopo di massimizzare i profitti a cifre più che appetibili. Questo succede proprio perché quando nascono nuove esigenze, gli operatori che offrono soluzioni sono spesso scarsi in confronto alle richieste, cosa che permette l’applicazione di tariffe esose. Perciò questo campo diviene subito appetibile agli operatori. Ecco quindi come un forte richiamo economico si è posto in contrasto con il comportamento corretto nei confronti delle professioni regolamentate dagli appositi organi istituzionali. Dico questo in quanto la normativa vigente, per determinate attività, riconosce solo a determinati esperti (riconosciuti dallo stato tramite appositi titoli e esami) la possibilità di professare l’attività nei campi in questione.  E’ successo in passato per diverse professioni (ricordiamo lo situazione di una ventina di anni fa per i professionisti della meccanica, o di un decennio fa per i dentisti), ed oggi si ripropone nel campo dell’informatica.

Mentre per quanto spetta gli ingegneri, la classe dell’informazione (informatica) è recente costituzione, per quanto concernente l’albo dei periti, sono ormai anni che si abilitano professionisti operanti nel campo dell’informatica. Purtroppo, però, essendo una professione giovane, nello scorso secolo non veniva menzionata esplicitamente in nessuna legge, per cui l’unico strumento di regolamentazione era il solito art. 348 c.p. “Abusivo esercizio di una professione”, noto a molti, che recita: “Chiunque abusivamente esercita una professione, per la quale è richiesta una speciale abilitazione dello Stato, è punito con la reclusione fino a sei mesi o  con la multa da lire duecentomila (euro 103) a un milione (euro 516).” Questo articolo di legge, ovviamente, era più che valido già da allora anche per gli informatici. Il problema però, consisteva nel fatto che non esistevano norme che definivano con esattezza le attività riservate ai professionisti dell’informazione iscritti negli appositi albi. Su questa “voluta” incomprensione durata diversi anni, si sono create e consolidate aziende che offrono servizi informatici con personale senza alcun tipo di abilitazione. Le stesse società hanno assunto e stretto accordi professionali con diversi laureati in scienze affini all’informatica, che si occupano di progettare, dirigere, analizzare, periziare e collaudare i lavori ormai da oltre un decennio. Lo stesso scenario vale anche per la maggior parte degli enti pubblici. Con il DPR 328/01 (e successive modifiche, integrazioni e note esplicative) sono state finalmente definite esplicitamente le attività riservate ai professionisti informatici. Tuttavia, i comportamenti descritti, negli anni, sono entrati lentamente nell’inconscio collettivo convincendo erroneamente la società  che le attività dell’informatico non necessitassero di regolamentazione tramite appositi albi. Tra gli stessi professionisti informatici ci sono molti che non sanno che solo con l’abilitazione è possibile in termini di legge, progettare un data-base, dirigere progetti informatici, programmare un PLC ecc. Si è addirittura arrivati ad avere una modestissima affluenza degli informatici alle iscrizioni negli albi in quanto i candidati, spesso, vedevano questa operazione come superflua e non necessaria. In questo contesto è evidente che rimettere in regola una situazione errata quanto consolidata, risulta ulteriormente difficile. Fatte le dovute premesse, entriamo in dettaglio delle attività che ora sono regolamentate per gli informatici. Nel DPR. 328/01, relativamente all’attività informatica, è scritto: “(ex Art.16 - Attività professionali) […] le attività basate sull´applicazione delle scienze, volte al concorso e alla collaborazione alle attività di progettazione, direzione lavori, stima e collaudo di impianti e di sistemi elettronici, di automazioni e di generazione, trasmissione ed elaborazione delle informazioni; i rilievi diretti e strumentali di parametri tecnici afferenti impianti e sistemi elettronici; le attività che implicano l´uso di metodologie standardizzate, quali la progettazione, direzione lavori e collaudo di singoli organi o componenti di impianti e di sistemi elettronici, di automazione e di generazione, trasmissione ed elaborazione delle informazioni, nonché di sistemi e processi di tipologia semplice o ripetitiva. […] E’ di facile intuizione, per gli “addetti ai lavori” che questa definizione va ben oltre le attività standard dei professionisti e delle ditte che erogano servizi informatici. Già la sola frase che riguarda i sistemi “di automazione e di gestione, trasmissione ed elaborazione delle informazioni”, comprende sia la programmazione di un PLC, il disegno di un DataBase, il progetto di un impianto di domotica (impianto elettrico casalingo, microcontrollato da centralina programmabile) ecc. Per gli operatori di servizi di tipo standard possiamo asserire con facilità che sono comprese le attività più “gettonate” come: ogni tipo di studio, progettazione ed analisi di sistemi informativi; disegno e progettazione data-base, reti, sistemi ed altre entità di tipo informatico/digitale/automatico; stesura dei requisiti, specifiche tecniche e funzionali; reverse engineering; perizie, valutazioni, dimensionamento apparati; direzione, coordinamento, collaudo e validazione dei lavori/progetti di tipo informatico. Ascoltando il parere di veterani non abilitati è emerso che vi è una credenza “popolare” che tali abilitazioni non siano necessarie per uso interno aziendale (ad esempio se si progetta un sistema informatico che utilizzerà l’azienda stessa). Per dimostrare che questa credenza sia totalmente sbagliata, basti pensare che la necessità di essere iscritti all’ordine per i professionisti informatici è dettata dalla stessa norma che obbliga i medici ad essere iscritti al proprio albo, il solito art. 348 c.p. (pensate che sia possibile per qualcuno di noi indossare un camice bianco ed iniziare a fare visite ai dipendenti della propria azienda “per solo uso interno”?). Questa cosa destabilizza ulteriormente le vecchie strutture che si sono create negli anni all’interno delle società e degli enti pubblici,  rendendo illegali le attività di diversi operatori che lavorano in questo campo da anni. A questo si aggiunge il fatto che i laureati in “informatica” della facoltà di scienze (ex “scienze dell’informazione”) non  hanno un albo proprio e sono stati esclusi dagli albi attualmente riconosciuti dei professionisti dell’informatica. In particolare questi ultimi (i laureati in informatica) si sono lamentati non poco per questa esclusione, tanto da arrivare a costituire una apposita associazione che ad oggi conta diverse decine di migliaia di iscritti (http://www.alsi.it/), con lo scopo di ampliare le possibilità offerte dal proprio titolo di studi. Dopo oltre due anni di dure battaglie, sono riusciti ad ottenere la possibilità di iscriversi all’albo. In realtà questa cosa non vale proprio per tutti; infatti possono accedere agli esami di stato solo coloro che hanno la nuova laurea specialistica. Ciò significa che i laureati con laurea L (triennale) ed i vecchi laureati (sia quelli laureati in “scienze dell’informazione” con piano di studi di 4 anni che quelli laureati con l’ordinamento successivo, in “informatica”, con piano di studi di 5 anni) non hanno le medesime possibilità. Le università (in primis quella di Pisa) si stanno muovendo per dare la possibilità ai laureati del vecchio ordinamento di ottenere la laurea specialistica. Comunque è necessaria la reiscrizione, sostenere alcuni esami di differenza, ed infine produrre nuovamente la tesi. l’ALSI, nonostante siano stati fatti passi da gigante in avanti, non si ritiene ancora soddisfatta. I Collegi dei Periti Industriali e Periti Laureati, ad oggi, costituiscono una sede di accoglienza naturale per gli informatici (siano essi periti industriali, laureati in Informatica o in ingegneria informatica/automatica) che intendono operare con professionalità all’interno del proprio campo.

Il sito è di proprietà della Di & P s.r.l., gestito dalla medesima ed ospitante alcune pagine gestite dallo Studio Legale Frediani che contribuisce alla stesura di approfondimenti e news. Il sito non costituisce rivista elettronica.

La Di & P s.r.l. ha sede in Montecatini Terme, via Cividale n.51 interno 2. È iscritta presso il Registro delle Imprese di Pistoia con numero 167988 , P.IVA 01651060475.
Capitale sociale sottoscritto € 10.000 interamente versato

Tutti i siti del network Consulente Legale Informatico sono Copyright © 2002-2014 di DI & P srl - Powered by Romyx