Vcast: riflessioni giuridiche

06/11/2007
di Valentina Frediani

E’ di qualche giorno fa la notizia della diffida rivolta da Mediaset a vcast.it, il quale ha provveduto a sospendere momentaneamente le registrazioni della stessa tv privata. La controversia è interessante e giuridicamente combattuta, essendo che ogni parte ha buoni motivi ed appoggi giuridici per sostenere la propria posizione.

web_12810065_xlDa un lato vcast.it  respinge ogni accusa  sostenendo che le operazioni di  registrazione che il sito consente, costituiscono l’esercizio di  un diritto riconosciuto agli utenti proprio dalla legge a tutela del diritto d’autore (legge n. 633/41 come novellata) che  all’art. 71 sexies prevede espressamente: “E´ consentita la riproduzione privata di fonogrammi e videogrammi su qualsiasi supporto, effettuata da una persona fisica per uso esclusivamente personale, purché senza scopo di lucro e senza fini direttamente o indirettamente commerciali, nel rispetto delle misure tecnologiche di cui all´articolo 102-quater.” Utilizzando i termini “uso esclusivamente  personale” il legislatore ha riconosciuto all’utente-consumatore il diritto di poter registrare liberamente anche le trasmissioni televisive purché ciò avvenga fuori da scopi commerciali. E  secondo Vcast, non sussistendo alcuna commercializzazione o scambio delle registrazioni, le attività di registrazione consentite tramite il sito si limitano ad investire la sfera personale, rientrando pienamente nella previsione normativa del 71 sexies.

Bisogna però ricordare che attualmente le attività di videoregistrazione sono consentite anche in considerazione della “mediazione” economica che è stata fatta sul prezzo dei supporti video-registrabili. Sappiamo infatti che sul prezzo finale dei  cd-rom  è già stata ricaricata una somma destinata ai soggetti che vantano diritti di autore (trattasi del cosiddetto equo compenso).

Lascia quindi un po’ perplessi la posizione giuridica di vcast.it. O da una parte si riconosce definitivamente che sui supporti non si deve più ricaricare alcunché da versare alla SIAE (che poi distribuisce agli autori), oppure si comincia a prevedere anche per il sistema vcast un “obolo” da versare.

Anche a questo giro siamo di fronte all’ennesima dimostrazione di come la legge 633 del 1941 sia anacronistica rispetto agli sviluppi tecnologici. La rete corre ormai troppo veloce per il legislatore e  le beghe che nascono nel settore  non fanno altro che frenare lo sviluppo…

Riproduzione riservata ©

ALTRE NEWS

Colin Focus Day: Dal Codice Privacy al Regolamento Europeo, aspetti di rilevanza legale per le aziende italiane

Si svolgerà il 3 febbraio, a Milano, il primo Colin Focus Day del 2016 per focalizzare l’impatto che il Regolamento Europeo in materia di privacy… Leggi Tutto

Dispositivi sul lavoro? I diritti dell’azienda

Ha sollevato scalpore la recente notizia del dipendente licenziato per un uso illegittimo del cellulare, peraltro non avendone abusato direttamente ma avendo omesso di sorvegliare… Leggi Tutto

Legge sui dati UE: rinviata al 2015

Nuova vittoria per i colossi americani della tecnologia che sono riusciti ad ottenere il rinvio per almeno un altro anno dell’introduzione di norme più severe… Leggi Tutto

COLIN & PARTNERS

CHI SIAMO


Consulenza legale specializzata sul diritto delle nuove tecnologie

CONOSCIAMOCI
CHI SIAMO

Cultura e innovazione

SPEECH & EVENTI


Le nostre competenze a disposizione della vostra azienda

I prossimi appuntamenti

Colin Focus Day – GDPR e Compliance Software: la metodologia certificata di Colin & Partners

Appuntamento a Milano il 5 febbraio dalle ore 14.00.

Affronteremo i 5 temi chiave della Compliance di cui tiene ampiamente conto la metodologia certificata e lo schema di analisi di Colin & Partners.

CONTATTACI

OPERIAMO
A LIVELLO
GLOBALE


Tel. +39 0572 78166

Tel. +39 02 87198390

info@consulentelegaleinformatico.it

Compila il form






    Utilizzando questo modulo accetti la memorizzazione e la gestione dei tuoi dati da questo sito web.