I termini di conservazione delle immagini

19/01/2011
di Leonardo

A seguito del provvedimento dell’8 aprile 2010 la conservazione delle immagini acquisite mediante l´impianto di videosorveglianza è stata prefissata a 24 ore, salvo speciali esigenze di ulteriore conservazione in relazione ad indagini di polizia e giudiziari.

videosorv_10535483_xlTuttavia per attività che sono state definite “particolarmente rischiose” i tempi di conservazione sono più ampi, ma è fatto divieto di superare i 7 giorni. Solo su istanza di parte, il Garante della Privacy, verificato quanto richiesto e le condizioni di fatto,  potrà concedere un periodo di conservazione più ampio.

In concreto la maggior parte dei casi rientrano nella previsione delle 24 ore. Tale periodo, di fatto, si rivela insufficiente e vanifica in realtà la scelta di utilizzare questo sistema di sorveglianza là dove non sia possibile presidiare continuativamente il luogo da tutelare o non sia possibile rilevare immediatamente un reato.

In particolare si pensi ad un caso di furto: tale evento può essere rilevato anche dopo alcuni giorni e non nelle 24 ore successive all’evento. Altra problematica che sorge in merito alla breve durata di conservazione è senza dubbio legata al diritto di accesso dell’interessato oggetto della ripresa, previsto dall’art. 7 del codice privacy.

Quest’ultimo in qualsiasi momento può fare richiesta di accesso ai propri dati, ma si vedrà negare la richiesta nel caso sia trascorso il lasso di tempo sopra indicato. La situazione appare del tutto illogica nei casi reati quali aggressione: con la sovra registrazione delle immagini si perderà una prova o addirittura l’unico mezzo per individuare l’aggressore.

Molte volte, infatti, il soggetto aggredito procedere subito dopo l’evento alla denuncia presso le Autorità e non a fare la richiesta di accesso. Come ben si comprende, alla fine questa situazione porta i titolari dell’impianto di videosorveglianza a mantenere oltre i limiti concessi le medesime immagini. Sebbene ciò non sia lecito, dall’altro rileva un’incoerenza normativa di fondo, e una discrasia tra realtà (le effettive esigenze  dei soggetti) e legge.

 

 

Riproduzione riservata ©

ALTRE NEWS

Fattura Elettronica: come assolvere l’imposta di bollo?

Repetita iuvant: il Decreto del Ministero dell’Economia e delle Finanze (di seguito D.M.E.F.) del 17 giugno 2014 ha modificato le modalità di assolvimento dell’imposta di… Leggi Tutto

Lo sviluppo del mercato unico digitale passa dalla privacy

A distanza di pochi mesi dal Comunicato Stampa della Commissione Europea nel quale erano state definite le linee di intervento necessarie a realizzare un mercato… Leggi Tutto

GDPR, arrivano le prime sanzioni. Il caso portoghese

La Commissione nazionale di protezione dei dati (CNPD) portoghese ha sanzionato per un importo di 400.000 euro l’Ospedale Barreiro-Montijo – vicino a Lisbona – per… Leggi Tutto

COLIN & PARTNERS

CHI SIAMO


Consulenza legale specializzata sul diritto delle nuove tecnologie

CONOSCIAMOCI
CHI SIAMO

Cultura e innovazione

SPEECH & EVENTI


Le nostre competenze a disposizione della vostra azienda

I prossimi appuntamenti

Colin Focus Day – GDPR e Compliance Software: la metodologia certificata di Colin & Partners

Appuntamento a Milano il 5 febbraio dalle ore 14.00.

Affronteremo i 5 temi chiave della Compliance di cui tiene ampiamente conto la metodologia certificata e lo schema di analisi di Colin & Partners.

CONTATTACI

OPERIAMO
A LIVELLO
GLOBALE


Tel. +39 0572 78166

Tel. +39 02 87198390

info@consulentelegaleinformatico.it

Compila il form