Nuova figura nel sistema di conservazione sostitutiva: i conservatori accreditati

15/02/2011
di Leonardo

demat_9259465_xlIl nuovo Codice dell’Amministrazione Digitale introduce una nuova figura all’interno del sistema della conservazione sostitutiva: i “conservatori accreditati”.

Trattasi di soggetti, pubblici o privati, che svolgono attività di conservazione dei documenti informatici e di certificazione dei relativi processi anche per conto di terzi ed ottengono l’accreditamento presso la DigitPA, previo riconoscimento del possesso dei requisiti del livello più elevato, in termini di qualità e sicurezza (cfr. art. 44 bis CAD).

Più precisamente, i soggetti che intendono conseguire detto riconoscimento dovranno chiedere di essere accreditati presso DigitPa, impegnandosi al rispetto delle regole tecniche e dimostrando di possedere alcuni requisiti essenziali, quali l´affidabilità organizzativa, tecnica e finanziaria necessaria per svolgere l’attività di certificazione, nonché l’esperienza e le competenze specifiche per i servizi forniti.

In seguito all´accoglimento della domanda ed alla conseguente iscrizione del richiedente in un elenco pubblico, tenuto da DigitPa e consultabile anche in via telematica, il soggetto accreditato potrà qualificarsi come tale ed operare nel sistema della conservazione sostitutiva.

Ma in che termini è possibile richiedere l’intervento dei conservatori accreditati e quali i vantaggi nel compiere tale scelta?

Coloro che intendano attivare processi di dematerializzazione documentale potranno avvalersi dei conservatori accreditati, optando per l’esternalizzazione integrale del processo ovvero  per un sistema di conservazione organizzato internamente da sottoporre al vaglio di tali soggetti.

In entrambi i casi, la scelta del responsabile della conservazione sostitutiva di richiedere l’intervento dei soggetti accreditati di cui all’art. 44 bis CAD determina una garanzia in termini di rispetto della normativa in materia e attribuisce una maggiore e più efficace valenza probatoria ai documenti conservati, sicché deve ritenersi certamente consigliabile.

Riproduzione riservata ©

ALTRE NEWS

Patent Box: i chiarimenti dell’Agenzia delle Entrate

Con Circolare n. 11/E del 7 Aprile 2016, Agenzia delle Entrate e Mise sciolgono i principali dubbi sollevati da associazioni di categoria e da professionisti… Leggi Tutto

Jobs Act: controllo a distanza e verifiche aziendali

Articolo pubblicato su Punto Informatico Dopo l’approvazione del Consiglio dei Ministri lo scorso 4 Settembre, sono stati finalmente pubblicati in Gazzetta Ufficiale, i decreti attuativi… Leggi Tutto

Nomi a dominio: il caso gente.it

Ancora una volta parliamo di nomi a dominio e del loro “intersecarsi” con i marchi registrati. Ancora una volta è bene parlarne perché la comunità… Leggi Tutto

COLIN & PARTNERS

CHI SIAMO


Consulenza legale specializzata sul diritto delle nuove tecnologie

CONOSCIAMOCI
CHI SIAMO

Cultura e innovazione

SPEECH & EVENTI


Le nostre competenze a disposizione della vostra azienda

I prossimi appuntamenti

Colin Focus Day – GDPR e Compliance Software: la metodologia certificata di Colin & Partners

Appuntamento a Milano il 5 febbraio dalle ore 14.00.

Affronteremo i 5 temi chiave della Compliance di cui tiene ampiamente conto la metodologia certificata e lo schema di analisi di Colin & Partners.

CONTATTACI

OPERIAMO
A LIVELLO
GLOBALE


Tel. +39 0572 78166

Tel. +39 02 87198390

info@consulentelegaleinformatico.it

Compila il form