Videosorveglianza e misure di sicurezza: novità con il Decreto sviluppo?

15/07/2011
di roberto

Nonostante due provvedimenti in materia di videosorveglianza e di semplificazioni da parte del Garante, nonostante le disposizioni nuove del Decreto Sviluppo, ancora non è stato prevista alcuna semplificazione in relazione alle misure di sicurezza nel caso in cui il sistema di videosorveglianza sia installato da piccole e medie imprese, liberi professionisti e artigiani. Occorre in primis capire il problema alla base.

videosorv_9109153_xxlIn virtù delle semplificazioni previste, molte realtà aziendali hanno beneficiato della semplificazione, sottoscrivendo l’autocertificazione sostitutiva del DPS e conseguentemente non più soggette alle misure relative all’amministratore di sistema. In particolare, la semplificazione è strettamente prevista per coloro che trattano con strumenti elettronici solo dati personali non sensibili e come unici dati sensibili e giudiziari quelli relativi ai propri dipendenti e collaboratori, anche se extracomunitari, compresi quelli relativi al coniuge e ai loro parenti.

Addirittura oggi non è soggetto all´applicazione del codice “il trattamento dei dati personali relativi a persone giuridiche, imprese, enti o associazioni effettuato nell´ambito di rapporti intercorrenti esclusivamente tra i medesimi soggetti per le finalità amministrativo-contabili, come definite all´articolo 34, comma 1-ter”. Tuttavia nel momento in cui il titolare decide di installare un impianto di videosorveglianza, i dati acquisiti attraverso esso non sono soltanto dati identificativi, ma nel caso di ripresa di soggetti diversamente abili, anche dati sensibili, e quindi non rientranti nelle categorie prima menzionate. In questa prospettiva, solo per la gestione dei dati dell’impianto di videosorveglianza il titolare vede venir meno i vantaggi della semplificazione, per una scelta, monte volte necessaria e congente, di sicurezza sia propria, del patrimonio aziendale, e anche degli stessi dipendenti.  Orbene si pensi ad esempio a degli esercizi quali le tabaccherie o i benzinai che oggi sono più di altre realtà soggetti a rapine o furti, in cui molte volte la strumentazione elettronica è utilizzata in modo saltuario o incidentale: emissione di una fattura o la ricezione delle fatture dai fornitori. Essi rientrano pienamente nella semplificazione.

In queste ipotesi, a rigor legislativo, con l’introduzione dei sistemi suddetti, il Documento programmatico di sicurezza sembra essere necessario e insieme a questo l’applicazione delle misure di sicurezza dell’ADS. Ma come fare a chiedere al titolare di sostenere costi certamente molto alti rispetto alla struttura in essere, per l’adempimento di queste misure? È forse una dimenticanza non prevedere in questi casi la semplificazione o forse il Garante ha volutamente lasciato nei suoi provvedimenti aperta la soluzione, in modo che sia valutata la situazione caso per caso, alla luce delle banche dati gestite e dalle finalità sottese? Un artigiano che utilizza due telecamere per la sicurezza della propria attività, con almeno un elaboratore  elettronico su cui opera per correnti finalità amministrative e contabili, cosa dovrà fare? Dovrà redigere IL DPS? Dovrà nominare ADS? Oppure acquisirà lui medesimo la qualifica di ADS, per non dover acquistare il software per la loggatura?

Riproduzione riservata ©

ALTRE NEWS

FE: Circolare 18/E del 24 giugno 2014 dell’Agenzia delle Entrate

L’Agenzia delle Entrate, con la Circolare 18/E del 24 giugno 2014, ha fornito chiarimenti sulla disciplina in materia di fatturazione elettronica introdotta a seguito del recepimento… Leggi Tutto

Anagrafe dei sistemi di videosorveglianza: riflessioni sugli aspetti critici

E’ notizia recentissima la proposta del Prefetto di Pisa Francesco Tagliente di costituire un’anagrafe degli impianti -e delle immagini da essi riprese- di videosorveglianza sia… Leggi Tutto

Piano ispettivo del Garante 2016, ecco chi sarà coinvolto

Approvato, dal Garante per la protezione dei dati personali, il piano ispettivo per il primo semestre 2016. Con deliberazione del 10 marzo l’Autorità ha definito… Leggi Tutto

COLIN & PARTNERS

CHI SIAMO


Consulenza legale specializzata sul diritto delle nuove tecnologie

CONOSCIAMOCI
CHI SIAMO

Cultura e innovazione

SPEECH & EVENTI


Le nostre competenze a disposizione della vostra azienda

I prossimi appuntamenti

Siamo felici di dare il nostro contributo in numerosi eventi che trattano di nuove tecnologie e business digitale sotto vari aspetti. Il nostro apporto si ispira ai temi di interesse legale che, sempre più spesso, coinvolgono l’intera organizzazione.

Inoltre, a cadenza mensile, organizziamo il Colin Focus Day, un incontro di approfondimento gratuito sempre molto apprezzato. A Milano, o in videoconferenza, il Colin Focus Day è occasione di confronto e networking su temi legali-informatici e business.

CONTATTACI

OPERIAMO
A LIVELLO
GLOBALE


Tel. +39 0572 78166

Tel. +39 02 87198390

info@consulentelegaleinformatico.it

Compila il form