Lotta all’evasione fiscale: fronte comune tra Garante e Agenzia delle entrate

18/04/2012
di Leonardo

security_11133960_xlLa lotta agli evasori sarà attuata nel completo rispetto delle misure di sicurezza relative alla protezione dei dati dei cittadini. Ad assicurarlo è l’Autorità Garante per la privacy che, appena due giorni fa, si è pronunciata a proposito dello schema di provvedimento del Direttore dell’Agenzia delle entrate sulle modalità che dovranno adottare le banche per comunicare le informazioni relative ai conti correnti bancari all’Agenzia, allo scopo di contrastare l’evasione fiscale, riservandosi il diritto di verifica preliminare del provvedimento stesso. Sebbene tale finalità non sia stata messa in discussione, il Garante ha espresso la necessità di adeguate ed efficaci misure di sicurezza – tecniche e organizzative- sia sul fronte della trasmissione dei dati che su quello della loro conservazione. Nel dettaglio, operatori finanziari e banche dovranno per prima cosa adottare meccanismi di cifratura durante ogni passaggio interno, limitare ad una ristretta cerchia di soggetti l’accesso ai file, mantenere costantemente aggiornati sia i sistemi operativi che i software antivirus e antintrusione e adottare solo la forma cifrata per l’eventuale conservazione delle informazioni. Compito dell’Agenzia delle Entrate sarà predisporre canali telematici in grado di trattare ingenti quantità di dati, favorendo l’interconnessione diretta con i sistemi di banche e istituti finanziari e fornendo ai vari operatori strumenti e precise indicazione per la predisposizione dei file da inviare. Con eguale cura e rigorosa precisione dovranno essere specificati i tempi di conservazione dei dati, da cancellare automaticamente una volta raggiunta la data di scadenza. Favorevole è stato inoltre il parere del Garante sullo schema di provvedimento del Direttore dell’Agenzia delle entrate a proposito della prassi di accesso alle banche dati da parte dei Comuni e di trasmissione delle dichiarazioni dei contribuenti ai fini dell’accertamento contributivo e fiscale dei Comuni stessi. Anche in questo caso si rende necessaria l’adozione di misure di protezione dei dati e l’integrazione dello schema, soprattutto attraverso la definizione delle modalità per accedere alle banche dati dell’Agenzia del territorio e dell’Inps, aspetto quest’ultimo che il Garante richiede di poter controllare nuovamente.

Riproduzione riservata ©

ALTRE NEWS

La diffamazione on line

Le statistiche comprovano come tra i reati commessi sulla rete, spicchi, assieme alle violazioni in materia di diritto di autore e privacy, la diffamazione. Ex… Leggi Tutto

Droni: entro il 2016 il pacchetto di regole europee. Nel frattempo che fare per affacciarsi sul mercato?

Una crescita annunciata quella dei droni nel panorama internazionale. Destinati a rivoluzionare la percezione degli spazi e le modalità di controllo di vaste aree, questi… Leggi Tutto

Codice di autodisciplina a tutela della dignità

Il Ministro dell’Interno Maroni ha presentato insieme al vice ministro Romani la bozza definitiva di autoregolamentazione della rete. La spinta è stata sicuramente data dalla… Leggi Tutto

COLIN & PARTNERS

CHI SIAMO


Consulenza legale specializzata sul diritto delle nuove tecnologie

CONOSCIAMOCI
CHI SIAMO

Cultura e innovazione

SPEECH & EVENTI


Le nostre competenze a disposizione della vostra azienda

I prossimi appuntamenti

Colin Focus Day – GDPR e Compliance Software: la metodologia certificata di Colin & Partners

Appuntamento a Milano il 5 febbraio dalle ore 14.00.

Affronteremo i 5 temi chiave della Compliance di cui tiene ampiamente conto la metodologia certificata e lo schema di analisi di Colin & Partners.

CONTATTACI

OPERIAMO
A LIVELLO
GLOBALE


Tel. +39 0572 78166

Tel. +39 02 87198390

info@consulentelegaleinformatico.it

Compila il form