Tavolo permanente al Viminale per valutare l’idoneità degli impianti di sicurezza

26/04/2012
di Leonardo

videosorv_23438441_xxlNuove direttive sul fronte degli impianti di videosorveglianza comunale. Le linee guida arrivano dal Ministero dell’Interno con la nota n. 224632 del 2 Marzo 2012, in cui si chiariscono le modalità con cui dovranno essere installati o potenziati gli impianti nel rispetto delle nuove direttive ministeriali e l’obbligo di vaglio da parte del comitato provinciale per l’ordine e la sicurezza. Dopo l’ammissione dei comuni alla gestione diretta della sicurezza i sistemi di controllo elettronici del territorio sono diventati una realtà urbana assai diffusa, rendendo così necessaria la redazione di una normativa ad hoc in grado da un lato di supportare le scelte e le esigenze dei comuni e dall’altro di tutelare la privacy dei cittadini. Dal confronto tra polizia e carabinieri sulla questione è nata la piattaforma della videosorveglianza integrata: si tratta di un articolato documento, dotato di interessanti linee guida,  di cui i comuni potranno servirsi per dar vita a sistemi di videosorveglianza efficienti o potenziare quelli esistenti. I comitati provinciali per l’ordine e la sicurezza pubblica avranno il delicato compito di rendere valide le scelte dell’amministrazione comunale, facendo sempre riferimento al medesimo documento. Nella fattispecie, il documento favorisce e promuove la stretta collaborazione tra arma dei carabinieri, polizia e vigili nell’ottica di un sistema di sicurezza integrato, sottolineando l’importante ruolo strategico di tali sistemi per il controllo del territorio da parte delle autorità. A conferma di quanto detto, già nella circolare del 6 Agosto 2010, si rendeva necessario un esame preliminare delle installazioni da parte del comitato, indicazione ribadita anche dalle attuali direttive. Gli uffici del prefetto sono il luogo designato per ospitare le valutazioni sull‘idoneità strategica dei progetti di videosorveglianza, da discutere in occasione dei comitati periodici in materia di ordine e sicurezza. Per rendere maggiormente uniforme lo standard tecnologico degli impianti, il documento stabilisce inoltre l’istituzione di un tavolo permanente presso il Viminale deputato a presidiare l’evoluzione tecnologica ed esorta a prendere adeguatamente in considerazione tale quadro normativo in fase di progettazione o potenziamento degli impianti.

Riproduzione riservata ©

ALTRE NEWS

L’Europa dice addio al Privacy Shield

Privacy Shield: sentenza cruciale Con una sentenza cruciale, il 16 luglio 2020, la Corte di Giustizia Europea ha di fatto annullato la validità dell’accordo noto… Leggi Tutto

Protocollo di legalità: DI & P presente nel registro delle imprese “virtuose”

Il nominativo dell´impresa DI & P Srl è stato pubblicato nell´elenco delle imprese aderenti al Protocollo di Legalità. Il Protocollo, frutto di un’intensa collaborazione tra… Leggi Tutto

VIDEOSORVEGLIANZA: 24 ore, 7 giorni, 90 giorni o 24 mesi?

L’Autorità Garante per la Protezione dei Dati Personali, con il provvedimento di carattere generale del 2010, ha dettato determinati vincoli da rispettare per utilizzare, in… Leggi Tutto

COLIN & PARTNERS

CHI SIAMO


Consulenza legale specializzata sul diritto delle nuove tecnologie

CONOSCIAMOCI
CHI SIAMO

Cultura e innovazione

SPEECH & EVENTI


Le nostre competenze a disposizione della vostra azienda

I prossimi appuntamenti

Colin Focus Day – GDPR e Compliance Software: la metodologia certificata di Colin & Partners

Appuntamento a Milano il 5 febbraio dalle ore 14.00.

Affronteremo i 5 temi chiave della Compliance di cui tiene ampiamente conto la metodologia certificata e lo schema di analisi di Colin & Partners.

CONTATTACI

OPERIAMO
A LIVELLO
GLOBALE


Tel. +39 0572 78166

Tel. +39 02 87198390

info@consulentelegaleinformatico.it

Compila il form