Procedura semplificata per l’installazione di impianti di videosorveglianza nelle attività a rischio

02/05/2012
di Leonardo

VideoL’installazione di impianti di videosorveglianza, all’interno di specifiche attività economiche, quali ricevitorie, tabaccherie, oreficerie, distributori di benzina o farmacie, particolarmente esposte al rischio rapina e furto per le consistenti giacenze di denaro, potrà essere autorizzata senza il preventivo accertamento tecnico da parte degli organi di vigilanza della DTL. A stabilirlo è la nota n.7162 del Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali datata 16 Aprile 2012, una risposta concreta alle molteplici richieste di semplificazione nelle procedure di autorizzazione all’utilizzo di impianti audiovisivi. La nuova procedura stabilisce che il rilascio dell’autorizzazione avverrà in seguito alla presentazione da parte del datore di lavoro della domanda di installazione, corredata dalla documentazione relativa agli aspetti tecnici del sistema. Il provvedimento appare più che mai necessario in un periodo in cui rapine e furti sono all’ordine del giorno. Il ricorso a sistemi di videosorveglianza avrebbe, in realtà, una doppia funzione: da un lato rappresenterebbe un valido deterrente alle azioni criminose e dall’altro sarebbe una valida e sicura fonte di prova nel caso di eventuali rapine o furti. La misura mira inoltre ad allargare la possibilità di far installare impianti di videosorveglianza anche da piccole aziende-imprese, prive di rappresentanza sindacale. Infine, il minor impiego di ispettori impegnati nel controllo di tale attività, permetterebbe di concentrare vigilanza e personale ministeriale su questioni più rilevanti ed urgenti come la tutela della salute e della sicurezza o la lotta ai casi di lavoro irregolare o sommerso.

Riproduzione riservata ©

ALTRE NEWS

Verso le Password biometriche

È ormai evidente che tutti i giganti del web (Facebook. Google o Twitter) stanno cercando di rispondere alla sempre più impellente esigenza degli utenti di semplificare… Leggi Tutto

L’indicazione rituale dell’indirizzo pec dell’avvocato fa venire meno l’obbligo di domiciliazione

Così  ha statuito la Corte di Cassazione Civile con sentenza n. 10143 resa a Sezioni Unite in data 0 giugno 2012.  Quando un avvocato esercita… Leggi Tutto

L’abusiva duplicazione del software all’interno dell’azienda

Ad oggi pressoché tutte le aziende utilizzano software per lo svolgimento delle più svariate operazioni. Negli ultimi anni contemporaneamente alla diffusione di software ad uso… Leggi Tutto

COLIN & PARTNERS

CHI SIAMO


Consulenza legale specializzata sul diritto delle nuove tecnologie

CONOSCIAMOCI
CHI SIAMO

Cultura e innovazione

SPEECH & EVENTI


Le nostre competenze a disposizione della vostra azienda

I prossimi appuntamenti

Colin Focus Day – GDPR e Compliance Software: la metodologia certificata di Colin & Partners

Appuntamento a Milano il 5 febbraio dalle ore 14.00.

Affronteremo i 5 temi chiave della Compliance di cui tiene ampiamente conto la metodologia certificata e lo schema di analisi di Colin & Partners.

CONTATTACI

OPERIAMO
A LIVELLO
GLOBALE


Tel. +39 0572 78166

Tel. +39 02 87198390

info@consulentelegaleinformatico.it

Compila il form