L’invio telematico della dichiarazione dei redditi

09/07/2012
di Leonardo

Con sentenza del 8 maggio scorso la Corte di Cassazione, Terza Sezione Penale, ha condannato un cittadino per il reato di omessa dichiarazione. Il contribuente ricorreva alla Suprema Corte per impugnare la decisione della Corte di Appello di Roma, ritenendo ingiusta la pena inflittagli per il suddetto reato, reputando che la responsabilità fosse da addebitarsi, piuttosto, al proprio commercialista. Le operazioni contabili rivolte all’assolvimento degli oneri tributari erano state infatti delegate al professionista, il quale aveva agito con negligenza o colpa. La difesa riteneva che la condotta del professionista fosse idonea a far venir meno l’elemento soggettivo della fattispecie.
Di diverso avviso gli Ermellini, i quali hanno invece confermato la condanna, ritenendo che il contribuente resti responsabile anche per gli errori del professionista, così motivando: All’uopo va ribadito che l’affidamento ad un commercialista del mandato a trasmettere per via telematica la dichiarazione dei redditi alla competente Agenzia delle Entrate (tale è l’assunto difensivo del ricorrente) – ai sensi dell’art. 3, comma 8, DPR n. 322/1988, come modificato dal DPR n. 435/2001 – non esonera il soggetto obbligato alla dichiarazione dei redditi a vigilare affinché tale mandato sia puntualmente adempiuto [conforme Sez. III n. 9163 del 29/10/2009 (depositata 08/03/2010), [Omissis]].
dirittoinf_19411563_xxlAltra, più recente, pronuncia, sempre della Corte Suprema, questa volta riunita nella Sezione Tributaria, mitiga un po’ la responsabilità del contribuente, in ordine agli inconvenienti che possono derivare dalla trasmissione telematica. Se infatti da un lato, si delinea severamente una responsabilità per omessa vigilanza sull’operato del professionista incaricato, dall’altro non si può certo pretendere che al contribuente siano addossate anche le conseguenze del cattivo funzionamento del sistema di invio telematico. Nel secondo caso, infatti, i vizi e le omissioni sono addebitabili ad un elemento tecnico che sfugge completamente al controllo del cittadino, il quale non ha alcuna possibilità di verificarne il corretto funzionamento.
Nella vicenda in commento, pertanto, la Corte di Cassazione, sez. Tributaria, ha, con ordinanza  n. 8805 del 1 giugno 2012, riconosciuto che la contribuente si era avvalsa della procedura telematica per la presentazione di tale dichiarazione, per la quale aveva prodotto anche la relativa attestazione della ditta incaricata. Tanto basta per ritenere assolto il suo obbligo fiscale, anche se poi fossero state riscontrate delle incongruenze di dati, trattandosi di riflessi negativi semmai attribuibili al terzo convenzionato e non piuttosto alla contribuente.
Pertanto i contribuenti che procedano all’invio telematico delle dichiarazioni dei redditi, direttamente o tramite un incaricato, dovranno vigilare attentamente sull’operato del delegato, rispondendo anche per sua colpa o negligenza, ma, una volta effettuato l’invio avranno assolto ogni obbligo, non dovendo preoccuparsi  delle nefaste conseguenze che potrebbero scaturire da errori o guasti del sistema.

Riproduzione riservata ©

ALTRE NEWS

Riflessioni di un consulente dall’Annual Privacy Forum

Ho avuto il piacere di partecipare, a Roma, alla la settima edizione dell’Annual Privacy Forum. Confrontandomi ogni giorno con le imprese sulle tematiche relative all’utilizzo… Leggi Tutto

Robotica: il futuro guarda a sicurezza e privacy

Il 27 gennaio 2017 è stata approvata dal Parlamento dell’Unione Europea, una relazione recante raccomandazioni alla Commissione e concernente le norme di diritto civile sulla… Leggi Tutto

Call center: più sanzioni a tutela della privacy

Ancora scarsa l’attenzione da parte dei call center in merito al trattamento dei dati personali , sempre più diffuse sono le violazioni relative alla privacy… Leggi Tutto

COLIN & PARTNERS

CHI SIAMO


Consulenza legale specializzata sul diritto delle nuove tecnologie

CONOSCIAMOCI
CHI SIAMO

Cultura e innovazione

SPEECH & EVENTI


Le nostre competenze a disposizione della vostra azienda

I prossimi appuntamenti

Colin Focus Day – GDPR e Compliance Software: la metodologia certificata di Colin & Partners

Appuntamento a Milano il 5 febbraio dalle ore 14.00.

Affronteremo i 5 temi chiave della Compliance di cui tiene ampiamente conto la metodologia certificata e lo schema di analisi di Colin & Partners.

CONTATTACI

OPERIAMO
A LIVELLO
GLOBALE


Tel. +39 0572 78166

Tel. +39 02 87198390

info@consulentelegaleinformatico.it

Compila il form