Aziende e domicilio informatico, una tutela tutta nuova

04/02/2013
di Leonardo

security_24696010_xlTutela del domicilio informatico anche per un’azienda? La Cassazione dice di sì. Con una recentissima sentenza (42021/2012) la Suprema Corte ha dichiarato legittima la querela – e la seguente condanna- presentata dal legale rappresentante di una società contro un ex dipendente, il quale aveva violato il server di posta elettronica di cui la stessa società è titolare.

Ma introduciamo prima gli elementi di base per la comprensione di quanto deciso e delle sue potenziali conseguenze.
L’articolo 615 ter del codice penale punisce chiunque abusivamente si introduca in un sistema informatico o telematico protetto da misure di sicurezza ovvero vi si mantenga contro la volontà di chi ha il diritto di escluderlo.
Di fatto con questo comma si è estesa la tutela già garantita dal legislatore al domicilio, considerando il domicilio informatico come uno spazio non necessariamente materiale di pertinenza di una persona, estendendovi la tutela della riservatezza.

La Cassazione ha esteso ulteriormente la suddetta protezione  riconoscendo lo jusexcludendialios (il diritto di escludere tutti gli altri) in capo a chiunque sia il titolare dei dati (persona fisica, giuridica) ed indipendentemente dal contenuto degli stessi purché si tratti di dati relativi alla sfera di pensiero o all´attività dell´utente; dunque anche l’attività lavorativa che conseguentemente viene tutelata della legge.

Nel caso in analisi il condannato aveva lavorato per alcuni anni come responsabile dell´ufficio del personale come tecnico informatico, si era introdotto abusivamente nel server di posta elettronica della società, effettuando da postazione presso la sua abitazione, molteplici tentativi di violazione di accesso a caselle postali e-mail di membri della società, alcuni dei quali giunti a buon fine. Inoltre aveva violato molti account dei dipendenti inviando e-mail, tra le quali alcune contenti insulti, mediante gli account violati.
L’interpretazione estensiva della Suprema Corte  rende la querela per accesso abusivo a sistema informatico, presentata dal legale rappresentate della società il cui server è stato violato, legittima; infatti il diritto di vedersi riconosciuta una tutela giuridica spetta, sempre secondo questa interpretazione, a chiunque conservi nel proprio domicilio (informatico) dei propri dati, indipendentemente dalla loro natura- personale o lavorativa.
Come requisito, al fine di poter azionare la tutela, è richiesta la messa in atto di misure di sicurezza e accorgimenti tecnico-organizzativi, quali la predisposizione di credenziali d’accesso, che mirino ad evitare intrusioni – ed anche la permanenza- ai non autorizzati.
Dunque, traslando l’innovativa creazione giurisprudenziale nella realtà pratica, si può osservare come da una parte sorga la possibilità per aziende e persone giuridiche in genere di vedersi riconosciuta tutela giuridica nel caso di indesiderate intrusioni nei propri server o sistemi informatici, ma dall’altra si subordina l’ottenimento di quest’ultima all’idonea predisposizione di misure di sicurezza/accorgimenti tecnico organizzativi che ostino all’ingresso e permanenza di persone contro la volontà del titolare dei dati presenti nel domicilio.

Riproduzione riservata ©

ALTRE NEWS

Password all’ex-collega: la Cassazione conferma il licenziamento

I fatti oggetto della sentenza L’adozione di sistemi di autenticazione per accesso a reti o dati è andata recentemente consolidandosi nel nostro Paese grazie alla… Leggi Tutto

Condominio e privacy: otto capitoli per imparare a convivere

“Il condominio e la privacy”. Questo il titolo del Vademecum realizzato dal Garante per la protezione dei dati personali, alla luce della recente riforma approvata… Leggi Tutto

Cyber risk is a people risk: a cosa serve la cultura sulla sicurezza informatica?

La security per un’azienda è molto più di un problema tecnico. Un approccio basato esclusivamente su potenti software difensivi rischia di essere un investimento cospicuo… Leggi Tutto

COLIN & PARTNERS

CHI SIAMO


Consulenza legale specializzata sul diritto delle nuove tecnologie

CONOSCIAMOCI
CHI SIAMO

Cultura e innovazione

SPEECH & EVENTI


Le nostre competenze a disposizione della vostra azienda

I prossimi appuntamenti

Colin Focus Day – GDPR e Compliance Software: la metodologia certificata di Colin & Partners

Appuntamento a Milano il 5 febbraio dalle ore 14.00.

Affronteremo i 5 temi chiave della Compliance di cui tiene ampiamente conto la metodologia certificata e lo schema di analisi di Colin & Partners.

CONTATTACI

OPERIAMO
A LIVELLO
GLOBALE


Tel. +39 0572 78166

Tel. +39 02 87198390

info@consulentelegaleinformatico.it

Compila il form






Utilizzando questo modulo accetti la memorizzazione e la gestione dei tuoi dati da questo sito web.