Recepimento della Direttiva 45/2010/UE: cosa è cambiato

04/02/2013
di Leonardo

Con il recepimento della Direttiva 45/2010/UE del 13 Luglio 2010, recante modifiche alla Direttiva 2006/112/CE, anche l’Italia si è uniformata al resto d’Europa sul fronte della normativa in materia di fatturazione elettronica. Redatta con la finalità di agevolare e uniformare la disciplina sull’utilizzo della fattura elettronica, l’Italia vi si adegua con la Legge n. 228 (c.d. Legge di stabilità 2013) del 24 dicembre 2012, che modifica in via definitiva il D.P.R. n. 633/1972.

Le novità di interesse, in linea con le intenzioni della Direttiva 45/2010UE, hanno imposto al legislatore nazionale una rilettura, tra gli altri, dell’art. 21 del D.P.R. detto, e, quindi ad oggi la fattura elettronica è da intendersi come quella emessa e ricevuta in qualsiasi formato elettronico. La disposizione novellata chiarisce al riguardo che: ”la fattura, cartacea o elettronica, si ha per emessa all’atto della sua consegna, spedizione, trasmissione o messa a disposizione del cessionario o del committente”.
Spostando l’attenzione dalla semplice trasmissione o messa a disposizione (dirimente nella disciplina precedente in ordine alla qualifica di fattura elettronica) alla più completa “gestazione” della fattura si è giunti finalmente alla sostanziale parificazione della fattura in formato elettronico con quella in formato cartaceo.
La Direttiva presentava il nuovo corso auspicando (nel considerando 8) che le fatture cartacee e quelle elettroniche avrebbero dovuto ricevere lo stesso trattamento e che gli obblighi IVA relativi alla fatturazione elettronica avrebbero dovuto essere rivisti per eliminare gli oneri e le barriere esistenti, di ostacolo al ricorso a tale tipo di fatturazione. E anche alla migliore resa dei rapporti commerciali tra gli Stati.
demat_26441032_xlIl novellato articolo 21, senza deludere le aspettative del “legislatore europeo”, assicura omogeneità al sistema di fatturazione richiamando gli obblighi del soggetto passivo in ordine all’autenticità dell’origine, all’integrità del contenuto e alla leggibilità della fattura – senza distinzione di formato – dal momento della sua emissione fino al termine del suo periodo di conservazione.
Le richieste garanzie, in particolare quelle poste a presidio delle operazioni di fatturazione elettronica, non trovano ostacoli nella scelta degli strumenti da utilizzare per la loro completa soddisfazione. L’esperienza italiana, matura, o pressocchè tale, in materia di dematerializzazione e conservazione sostitutiva, offre un ottimo spunto al riguardo e permette di attingere a risorse tecnologiche ormai consuete e non più discriminatorie, anche se destinate ad inevitabile evoluzione.
La norma, infatti, suggerisce quello che è ad oggi lo stato dell’arte per garantire l’autenticità dell’origine e l’integrità del contenuto della fattura c.d. elettronica, ovvero l’uso di sistemi di controllo di gestione che assicurino un collegamento affidabile tra essa e la cessione di beni o la prestazione di servizi. Dando rilievo a: l’apposizione di firma elettronica qualificata o digitale dell’emittente o mediante sistemi EDI (Electronic Data Interchange) o di altri dispositivi tecnologici, di comprovata efficacia, programmati per garantire, il valore e l’inalterabilità nel tempo dei documenti contabili. Chiaro è, quindi, il richiamo alla corretta applicazione della conservazione sostitutiva che gode di procedimenti, già rodati, di cui, in specie e fino a diversa determinazione degli organi competenti, quelli identificati e disciplinati dal DMEF del 23 gennaio 2004.

La conservazione in modalità elettronica si impone per la fattura di pari conio, per quelle cartacee è per ora considerata solo possibile. Ma consigliabile laddove non sussistano diverse e soverchianti necessità.

Alla, teorica – e non solo, assimilabilità degli strumenti a disposizione degli Stati Membri per ottemperare alle prescrizioni della Direttiva, non corrisponde, però, una normativa comune in materia di tenuta/conservazione dei documenti fiscali, in generale, e delle fatture, in particolare. Rimanendo ad oggi una sostanziale indipendenza degli Stati in ordine alla disciplina normativa di riferimento. Pertanto le garanzie di interoperabilità tra i sistemi deputati alle attività descritte, allo stato, dovranno passare per il vaglio dei loro effetti – i soli capaci ad assicurarne reciproca e giuridica rilevanza – tra cui quello di assicurare il controllo delle autorità ispettive dello Stato membro in cui l’impresa è stabilita.
 

Riproduzione riservata ©

ALTRE NEWS

2012: cambi radicali per la privacy

A cavallo tra il 2011 ed il 2012, la normativa privacy ha subito modifiche radicali, che non si avevano praticamente da fine 2008, quando l’ultimo… Leggi Tutto

Verso il Regolamento Europeo: affrontare il percorso di adeguamento normativo

Si è protratto per quasi quattro anni, l’iter di creazione e modifica della normativa europea inerente la protezione dei dati personali. Lo scorso 15 dicembre… Leggi Tutto

Dispositivi mobili in azienda: cosa fare per non trasformare un’opportunità in un rischio

Cresciuti esponenzialmente negli ultimi anni i dispositivi mobili possono essere considerati uno dei contributi di maggior rilievo nell’ambito del processo di business transformation, a vantaggio… Leggi Tutto

COLIN & PARTNERS

CHI SIAMO


Consulenza legale specializzata sul diritto delle nuove tecnologie

CONOSCIAMOCI
CHI SIAMO

Cultura e innovazione

SPEECH & EVENTI


Le nostre competenze a disposizione della vostra azienda

I prossimi appuntamenti

Colin Focus Day – GDPR e Compliance Software: la metodologia certificata di Colin & Partners

Appuntamento a Milano il 5 febbraio dalle ore 14.00.

Affronteremo i 5 temi chiave della Compliance di cui tiene ampiamente conto la metodologia certificata e lo schema di analisi di Colin & Partners.

CONTATTACI

OPERIAMO
A LIVELLO
GLOBALE


Tel. +39 0572 78166

Tel. +39 02 87198390

info@consulentelegaleinformatico.it

Compila il form