Risposta all’istanza di accesso ai dati personali dell’interessato entro 15 giorni

12/09/2013
di roberto

PrivacyPorta la data del 2 agosto la sentenza n.18555 con cui la Corte di Cassazione ha confermato il diritto del cittadino di conoscere in tempi rapidi il contenuto delle segnalazioni negative emanate, a suo carico, dagli istituti di credito.

Rigettando il ricorso avanzato da una banca ed una finanziaria la Suprema Corte ha stabilito che , “la richiesta di accesso ai propri dati personali, di cui all’art. 8 del Dlgs 30 giugno 2003 n. 196, deve essere soddisfatta ‘senza ritardo’ da parte del soggetto destinatario e titolare del trattamento: a tal fine, costituisce un congruo ‘spatium deliberandi’ il termine di quindici giorni, previsto dall’articolo 146 del citato decreto, con riguardo all’interpello preventivo da parte del Garante”.

In caso di interpello da parte dell´interessato –come ha tenuto a precisare la prima sezione civile della Cassazione –  “in caso di esercizio del diritto di accesso da parte del titolare dei dati, ai sensi degli artt. 7, 8 e 10 del Dlgs 30 giugno 2003 n. 196, il titolare del trattamento, o il responsabile se nominato, non possono limitarsi a dare una mera conferma dell’esistenza dei dati, ma devono estrarli dai documenti in loro possesso, ponendoli a disposizione dell’interessato”. In questo modo risulta salvaguardato il diritto all’autodeterminazione informativa.

Tale decisione risponde al preciso scopo di garantire la verifica dell’avvenuto inserimento, della presenza o della rimozione dei dati, a tutela della dignità e della riservatezza del soggetto interessato. Un concetto, questo, ribadito con fermezza nella motivazione conclusiva della sentenza, a conferma della centrale importanza del soggetto interessato.

Riproduzione riservata ©

ALTRE NEWS

Cybersquatting, come tutelare il brand online

Inside Marketing ospita un approfondimento in due parti a cura dell’Avv. Giulia Rizza su Web marketing, brand protection e concorrenza sleale online. La prima parte… Leggi Tutto

Raccomandazione dell’OCSE sulla Digital Security

La versione integrale dell’Editoriale dell’Avv. Valentina Frediani su ‘Il Documento Digitale’ N. IV MMXV. “È impossibile poter eliminare totalmente il rischio digitale, ma questa sfida… Leggi Tutto

Vietato spiare sistematicamente i dipendenti on line!

Pubblicato sul Bollettino di marzo del Garante per la protezione dei dati personali, il Provvedimento generale relativo alle linee guida del Garante sulle questioni attinenti… Leggi Tutto

COLIN & PARTNERS

CHI SIAMO


Consulenza legale specializzata sul diritto delle nuove tecnologie

CONOSCIAMOCI
CHI SIAMO

Cultura e innovazione

SPEECH & EVENTI


Le nostre competenze a disposizione della vostra azienda

I prossimi appuntamenti

Siamo felici di dare il nostro contributo in numerosi eventi che trattano di nuove tecnologie e business digitale sotto vari aspetti. Il nostro apporto si ispira ai temi di interesse legale che, sempre più spesso, coinvolgono l’intera organizzazione.

Inoltre, a cadenza mensile, organizziamo il Colin Focus Day, un incontro di approfondimento gratuito sempre molto apprezzato. A Milano, o in videoconferenza, il Colin Focus Day è occasione di confronto e networking su temi legali-informatici e business.

CONTATTACI

OPERIAMO
A LIVELLO
GLOBALE


Tel. +39 0572 78166

Tel. +39 02 87198390

info@consulentelegaleinformatico.it

Compila il form