No all’uso di impianti biometrici per rilevare la presenza del personale scolastico sul luogo di lavoro

18/09/2013
di roberto

BiometriaIn tre distinti provvedimenti il Garante si è pronunciato, ancora una volta, a favore della tutela dei lavoratori e contro l’utilizzo generalizzato dei dati biometrici. L’autorità – a seguito di una serie di segnalazioni – ha vietato ad un istituto tecnico industriale ed a due licei scientifici il trattamento delle impronte digitali dei professori e del personale tecnico ed ausiliario (Ata) per rilevare la loro presenza a scuola.

L’uso generalizzato delle impronte digitali è stato infatti considerato dal Garante “eccedente e sproporzionato rispetto allo scopo perseguito dalle scuole di controllare le presenze sul posto i lavoro e contrario quindi ai principi di liceità, necessità e non eccedenza stabiliti dal Codice” come riportato nell’ultima newsletter dell’Autorità.

ll trattamento di dati di tal genere è legittimato solo in casi specifici, come, ad esempio, l’accesso ad aree aziendali riservate dove si svolgono particolari attività o ad imprese ubicate in zone considerate a rischio. “Per controllare il rispetto dell’orario di lavoro – ha affermato il Garante – la scuola può disporre di sistemi meno invasivi della sfera personale, della libertà  individuale e della dignità del lavoratore”.

Il Garante ha, inoltre, dichiarato illecito – vietando di conseguenza – l’impiego di immagini raccolte per mezzo di un impianto di videosorveglianza installato all’interno di uno dei due licei, senza che docenti, personale Ata e studenti ne fossero a conoscenza.

Nello specifico, l’interdizione è riferita al trattamento effettuato nel periodo precedente alla sua disattivazione eseguita dalla Direzione territoriale del lavoro per violazione delle norme sul controllo a distanza dei lavoratori.

Riproduzione riservata ©

ALTRE NEWS

Non perdiamo di vista gli “small” data: il rapporto Clusit 2015

Internet è un ecosistema complesso, una convergenza di tecnologia che crea ed agevola i mercati e le attività dei suoi operatori, accorcia i tempi e… Leggi Tutto

E-mail sul lavoro, controllo eccezionale

La sentenza della Corte di Cassazione, n. 2722/2012, farà come al solito discutere, e torneranno a confondersi le acque con il classico concetto ridotto a… Leggi Tutto

Chat e messaggi privati: non costituiscono prove nell’ambito di una causa

Chat e messaggi privati devono essere considerati come corrispondenza privata, equiparabili alla corrispondenza segreta. Per tale ragione, non possono essere utilizzati come prova nell’ambito di… Leggi Tutto

COLIN & PARTNERS

CHI SIAMO


Consulenza legale specializzata sul diritto delle nuove tecnologie

CONOSCIAMOCI
CHI SIAMO

Cultura e innovazione

SPEECH & EVENTI


Le nostre competenze a disposizione della vostra azienda

I prossimi appuntamenti

Siamo felici di dare il nostro contributo in numerosi eventi che trattano di nuove tecnologie e business digitale sotto vari aspetti. Il nostro apporto si ispira ai temi di interesse legale che, sempre più spesso, coinvolgono l’intera organizzazione.

Inoltre, a cadenza mensile, organizziamo il Colin Focus Day, un incontro di approfondimento gratuito sempre molto apprezzato. A Milano, o in videoconferenza, il Colin Focus Day è occasione di confronto e networking su temi legali-informatici e business.

CONTATTACI

OPERIAMO
A LIVELLO
GLOBALE


Tel. +39 0572 78166

Tel. +39 02 87198390

info@consulentelegaleinformatico.it

Compila il form