No all’uso di impianti biometrici per rilevare la presenza del personale scolastico sul luogo di lavoro

18/09/2013
di Leonardo

BiometriaIn tre distinti provvedimenti il Garante si è pronunciato, ancora una volta, a favore della tutela dei lavoratori e contro l’utilizzo generalizzato dei dati biometrici. L’autorità – a seguito di una serie di segnalazioni – ha vietato ad un istituto tecnico industriale ed a due licei scientifici il trattamento delle impronte digitali dei professori e del personale tecnico ed ausiliario (Ata) per rilevare la loro presenza a scuola.

L’uso generalizzato delle impronte digitali è stato infatti considerato dal Garante “eccedente e sproporzionato rispetto allo scopo perseguito dalle scuole di controllare le presenze sul posto i lavoro e contrario quindi ai principi di liceità, necessità e non eccedenza stabiliti dal Codice” come riportato nell’ultima newsletter dell’Autorità.

ll trattamento di dati di tal genere è legittimato solo in casi specifici, come, ad esempio, l’accesso ad aree aziendali riservate dove si svolgono particolari attività o ad imprese ubicate in zone considerate a rischio. “Per controllare il rispetto dell’orario di lavoro – ha affermato il Garante – la scuola può disporre di sistemi meno invasivi della sfera personale, della libertà  individuale e della dignità del lavoratore”.

Il Garante ha, inoltre, dichiarato illecito – vietando di conseguenza – l’impiego di immagini raccolte per mezzo di un impianto di videosorveglianza installato all’interno di uno dei due licei, senza che docenti, personale Ata e studenti ne fossero a conoscenza.

Nello specifico, l’interdizione è riferita al trattamento effettuato nel periodo precedente alla sua disattivazione eseguita dalla Direzione territoriale del lavoro per violazione delle norme sul controllo a distanza dei lavoratori.

Riproduzione riservata ©

ALTRE NEWS

Siti web e Cookies: il 2 giugno si avvicina

E’ passato quasi un anno da quando il Garante per la Protezione dei dati Personali ha pubblicato il provvedimento n. 229 inerente la “individuazione delle… Leggi Tutto

Novità SPID: i quattro regolamenti

L’art. 4 del DPCM 24 ottobre 2014 recante “Definizione delle caratteristiche del sistema pubblico per la gestione dell’identità digitale di cittadini e imprese (SPID), nonché… Leggi Tutto

La Commissione permanente per l’Innovazione e le Tecnologie nei Comuni

Nel quadro di sviluppo delle nuove tecnologie nella Pubblica Amministrazione e dell’ammodernamento delle strutture pubbliche, è stata insediata il 15 gennaio 2004 la “Commissione permanente… Leggi Tutto

COLIN & PARTNERS

CHI SIAMO


Consulenza legale specializzata sul diritto delle nuove tecnologie

CONOSCIAMOCI
CHI SIAMO

Cultura e innovazione

SPEECH & EVENTI


Le nostre competenze a disposizione della vostra azienda

I prossimi appuntamenti

Colin Focus Day – GDPR e Compliance Software: la metodologia certificata di Colin & Partners

Appuntamento a Milano il 5 febbraio dalle ore 14.00.

Affronteremo i 5 temi chiave della Compliance di cui tiene ampiamente conto la metodologia certificata e lo schema di analisi di Colin & Partners.

CONTATTACI

OPERIAMO
A LIVELLO
GLOBALE


Tel. +39 0572 78166

Tel. +39 02 87198390

info@consulentelegaleinformatico.it

Compila il form