Piano Nazionale Anticorruzione: la 231/2001 come punto di riferimento

19/09/2013
di Leonardo

NormativaLo scorso 11 settembre la Commissione Indipendente per la Valutazione, la Trasparenza e l’Integrità delle amministrazioni pubbliche (Autorità nazionale anticorruzione CiVit) ha approvato il Piano Nazionale Anticorruzione, nato nell’ottica di contrastare i fenomeni corruttivi sulla scia delle attività previste dalla L. n. 190/2012.
Dopo un complesso iter iniziato nel gennaio scorso, prende finalmente forma un sistema organico di prevenzione alla corruzione, rispondendo concretamente alle incalzanti richieste dei vari Organismi internazionali.

Il documento nasce con lo scopo di garantire il coordinamento nell’attuazione dei vari piani di prevenzione della corruzione della Pubblica Amministrazione e contiene un rinvio al D.Lgs. n. 231/2001 per quanto concerne gli enti pubblici economici e gli enti di diritto privato in controllo pubblico che sono sottoposti a tale disciplina.

A tal proposito l’allegato 1 al Piano Nazionale Anticorruzione stabilisce che i modelli di organizzazione e gestione del rischio dovranno valutare anche l’eventualità di fenomeni corruttivi individuati dal Piano Nazionale e dovranno esporre il  contenuto minimo secondo i punti esposti di seguito:

– individuazione delle aree a maggior rischio di corruzione, incluse quelle previste nell’art. 1, comma 16, della l. n. 190 del 201211, valutate in relazione al contesto, all’attività e alle funzioni dell’ente;

– previsione della programmazione della formazione, con particolare attenzione alle aree a maggior rischio di corruzione;

– previsione di procedure per l´attuazione delle decisioni dell´ente in relazione al rischio di fenomeni corruttivi;

– individuazione di modalità di gestione delle risorse umane e finanziarie idonee ad impedire la commissione dei reati;

– previsione dell’adozione di un Codice di comportamento per i dipendenti ed i collaboratori, che includa la regolazione dei casi di conflitto di interesse per l’ambito delle funzioni ed attività amministrative;

– regolazione di procedure per l’aggiornamento;- previsione di obblighi di informazione nei confronti dell´organismo deputato 
a vigilare sul funzionamento e l´osservanza dei modelli;

– regolazione di un sistema informativo per attuare il flusso delle informazioni 
e consentire il monitoraggio sull’implementazione del modello da parte 
dell’amministrazione vigilante;

– introduzione di un sistema disciplinare idoneo a sanzionare il mancato 
rispetto delle misure indicate nel modello.

Entro il 31 gennaio 2013 i destinatari, individuati nelle pp.aa. di cui all’art. 1, co. 2, del D.Lgs. n. 165/2001, dovranno adottare e comunicare alla Presidenza del Consiglio il proprio piano triennale di prevenzione.

Riproduzione riservata ©

ALTRE NEWS

Data Lineage ovvero tracking data from source to target

Una tra le principali novità introdotte dal Regolamento Europeo 2016/679 (Regolamento generale sulla protezione dei dati), divenuto applicabile in maniera effettiva dal 25 maggio dello… Leggi Tutto

Videosorveglianza sul luogo di lavoro: il Garante “bacchetta” un’importante società

Un accertamento ispettivo effettuato a Genova ha fornito al Garante la possibilità di sottolineare nuovamente l’importanza delle finalità effettive dell’attività di videosorveglianza. Nel caso in… Leggi Tutto

Rivoluzione privacy. Verso il Regolamento Europeo

La privacy non sarà più la stessa. La proposta di un nuovo Regolamento Europeo in materia di protezione dei dati personali ha confermato il radicale cambiamento di… Leggi Tutto

COLIN & PARTNERS

CHI SIAMO


Consulenza legale specializzata sul diritto delle nuove tecnologie

CONOSCIAMOCI
CHI SIAMO

Cultura e innovazione

SPEECH & EVENTI


Le nostre competenze a disposizione della vostra azienda

I prossimi appuntamenti

Colin Focus Day – GDPR e Compliance Software: la metodologia certificata di Colin & Partners

Appuntamento a Milano il 5 febbraio dalle ore 14.00.

Affronteremo i 5 temi chiave della Compliance di cui tiene ampiamente conto la metodologia certificata e lo schema di analisi di Colin & Partners.

CONTATTACI

OPERIAMO
A LIVELLO
GLOBALE


Tel. +39 0572 78166

Tel. +39 02 87198390

info@consulentelegaleinformatico.it

Compila il form