Chat e messaggi privati: non costituiscono prove nell’ambito di una causa

01/10/2013
di Leonardo

Chat e SocialChat e messaggi privati devono essere considerati come corrispondenza privata, equiparabili alla corrispondenza segreta. Per tale ragione, non possono essere utilizzati come prova nell’ambito di una causa e il giudice non può ordinarne l’esibizione.

A stabilirlo è una recente sentenza del Tribunale di Santa Maria Capua Vetere, la quale, prendendo le distanze da una precedente sentenza pronunciata dal Tribunale di Torino circa la possibilità di utilizzare le documentazioni acquisite come prova contro il loro autore, violandone in questo modo la privacy, ha assunto un orientamento del tutto contrario.

Secondo i giudici del Tribunale di Santa Maria Capua Vetere le informazione scambiate tramite chat o messaggi privati godono della tutela che protegge ogni genere di conversazione segreta  – secondo quanto previsto dalla stessa Costituzione – e come tali devono essere a tutti gli effetti tutelate dal punto di vista della loro divulgazione.

Al contrario di quanto avviene per messaggi scambiati per mezzo delle chat e delle messaggerie, le informazioni pubblicate sul profilo personale di un social network e destinate alla cerchia di “amicizie” – nonostante queste siano tutelate da specifiche impostazioni sulla privacy – non possono essere tutelate e possono essere impiegate come prova in una causa.

n altre parole, la pubblicazione di determinate fotografie e informazioni sulla pagina del proprio profilo implica l’accettazione da parte dell’autore del rischio che possano essere diffuse a soggetti terzi non compresi nell’ambito dei contatti diretti. Questo le rende di conseguenza utilizzabili dal giudice in sede di causa.

Riproduzione riservata ©

ALTRE NEWS

Password di accesso al sistema al rappresentante dei lavoratori: quali risultati?

I sistemi di videosorveglianza oggi sono sempre più efficienti e complessi, capaci di rispondere a tutte le richieste di una clientela sempre più esigente. Peccato che… Leggi Tutto

Fatture elettroniche negli appalti pubblici. Le proposte della Commissione Europea

Si inserisce nell’ambito del processo di digitalizzazione delle procedure degli appalti pubblici la proposta di direttiva avanzata dalla Commissione Europea per l’elaborazione di uno standard… Leggi Tutto

Cloud alla maturità. La preparazione fa vincere le imprese

Il Cloud conoscerà una nuova ondata di crescita nella sua adozione. E’ ciò che emerge da uno studio voluto da Cisco, e realizzato da IDC,… Leggi Tutto

COLIN & PARTNERS

CHI SIAMO


Consulenza legale specializzata sul diritto delle nuove tecnologie

CONOSCIAMOCI
CHI SIAMO

Cultura e innovazione

SPEECH & EVENTI


Le nostre competenze a disposizione della vostra azienda

I prossimi appuntamenti

Colin Focus Day – GDPR e Compliance Software: la metodologia certificata di Colin & Partners

Appuntamento a Milano il 5 febbraio dalle ore 14.00.

Affronteremo i 5 temi chiave della Compliance di cui tiene ampiamente conto la metodologia certificata e lo schema di analisi di Colin & Partners.

CONTATTACI

OPERIAMO
A LIVELLO
GLOBALE


Tel. +39 0572 78166

Tel. +39 02 87198390

info@consulentelegaleinformatico.it

Compila il form