Copyright: a chi compete la giurisdizione in caso di più Stati UE coinvolti?

08/10/2013
di Leonardo

CopyrightLa tutela della proprietà intellettuale compete al giudice dello stato di residenza dell’autore vittima della violazione in riferimento soltanto al danno causato nel territorio in cui ha sede il suo distretto giudiziario.

A stabilirlo è la sentenza dello scorso 3 Ottobre della CGCE che, in quell’occasione, si è pronunciata in merito alla vicenda di un autore francese “compositore ed interprete di dodici canzoni registrate dal gruppo Omissis su un disco in vinile”, il quale, navigando in rete, aveva scoperto che le canzoni erano state riprodotte senza la sua autorizzazione da una società austriaca per conto di un’altra azienda inglese che le commercializzava attraverso un sito internet.

A seguito di ciò l’uomo aveva contattato l’autorità giudiziaria, rivendicando i propri diritti e sollevando suo malgrado un conflitto di giurisdizione tra il luogo di residenza e quello in cui si era verificato il danno. Intervenendo sulla questione la CGCE ha confermato la giurisdizione francese, rovesciando le precedenti deliberazioni e formulando il sovra citato principio di diritto il cui scopo è «unificare le norme sui conflitti di competenza in materia civile e commerciale e di semplificare le formalità affinché le decisioni emesse dagli Stati membri vincolati dal presente regolamento siano riconosciute ed eseguite in modo rapido e semplice».

La disputa offre l’ennesimo spunto di riflessione circa la difficoltà di individuare, nell’ambito della rete, il luogo esatto in cui è  stata commessa una violazione. Per stabilire a quale giudice competa la risoluzione dell’illecito perpetrato in rete la prima cosa da fare è distinguere se il reato viola un diritto della persona o della proprietà intellettuale. Nel primo caso infatti, la vittima potrà rivolgersi a qualsiasi G.I. degli Stati in cui si è realizzato il danno o quello del luogo in cui «possiede il centro d’interessi». Nella seconda ipotesi, invece, il diritto è connesso alla registrazione dell’opera intellettuale e la questione sarà competenza del G.I. del luogo in cui ciò è avvenuto, eccetto casi speciali.

Al contrario di altri stati dell’Unione Europea e degli USA, in Italia manca una concreta legislazione finalizzata a contrastare questo genere di illeciti, nonostante il n. 248/00 abbia codificato alcune violazioni commesse su internet e l’AGCOM abbia più volte caldeggiato l’adozione di misure finalizzate a colmare tale lacuna normativa.

Riproduzione riservata ©

ALTRE NEWS

IoT: attacchi informatici e responsabilità delle “aziende vittime”

L’innovazione tecnologica non può prescindere da un tema di sicurezza: occorre tener presente che oltre ad un interesse diretto di chi si avvale o comunque… Leggi Tutto

Assegno elettronico per le procedure interbancarie: attenzione alla sicurezza

Il Decreto-Legge 13 maggio 2011, n. 70 titolato “Semestre Europeo – Prime disposizioni urgenti per l’economia” convertito con modificazioni dalla L. 12 luglio 2011, n…. Leggi Tutto

“Non mi paghi? Ed io ti registro sul SIT!”. Nessun consenso richiesto.

Con delibera del 27 marzo 2014, l’Autorità Garante della protezione dei dati personali ha aperto una consultazione pubblica per raccogliere osservazioni da parte di tutti… Leggi Tutto

COLIN & PARTNERS

CHI SIAMO


Consulenza legale specializzata sul diritto delle nuove tecnologie

CONOSCIAMOCI
CHI SIAMO

Cultura e innovazione

SPEECH & EVENTI


Le nostre competenze a disposizione della vostra azienda

I prossimi appuntamenti

Colin Focus Day – GDPR e Compliance Software: la metodologia certificata di Colin & Partners

Appuntamento a Milano il 5 febbraio dalle ore 14.00.

Affronteremo i 5 temi chiave della Compliance di cui tiene ampiamente conto la metodologia certificata e lo schema di analisi di Colin & Partners.

CONTATTACI

OPERIAMO
A LIVELLO
GLOBALE


Tel. +39 0572 78166

Tel. +39 02 87198390

info@consulentelegaleinformatico.it

Compila il form