Legge sui dati UE: rinviata al 2015

29/10/2013
di Leonardo

PrivacyNuova vittoria per i colossi americani della tecnologia che sono riusciti ad ottenere il rinvio per almeno un altro anno dell’introduzione di norme più severe sulla privacy. Gli sforzi UE per limitare la condivisione dei dati dei clienti e quelli dei sostenitori di norme più rigorose sulla protezione dei dati sono stati frenati dal primo ministro britannico David Cameron che ha persuaso gli altri Stati a rimandare l´introduzione di norme più severe sulla privacy di almeno un anno, probabilmente sotto la pressione esercitata dai Big di oltreoceano.

L’adozione tempestiva di un regolamento da loro auspicata è stata posticipata al 2015, nonostante molti Stati sperassero nel completamento della proposta prima delle elezioni europee del maggio 2014. Il rischio è che in questo periodo le lobbies americane riescano ad elaborare escamotage per sottrarsi alle stringenti norme sulla privacy e il trattamento dati.

Naturalmente il ritardo ha suscitato aspre critiche da parte dei sostenitori del regolamento. “Il ritardo è stato richiesto dagli Stati Uniti, perché credono che si possa ottenere tutto quello che vogliono fuori delle discussioni commerciali in corso. Quindi, si tratta di un´opportunità per  mitigare le proposte direttamente e anche indirettamente” ha detto Joe McNamee, direttore della European Digital Rights, una organizzazione che promuove la privacy e i diritti civili.

Ulteriore speranza nutrita dalle grandi società statunitensi è quella di ridurre drasticamente le sanzioni in caso di violazione di eventuali nuove normative. Il mancato rispetto di tali norme potrebbe infatti costare molto caro a colossi del calibro di Google, Facebook e Amazon.

Se da una parte è vero che una proposta affrettata potrebbe danneggiare le imprese, il cui core business si incentra sui dati personali, dall’altra non si può negare che una normativa a tutela della privacy risulti più urgente che mai e non dovrebbe in alcun modo essere soggetta agli interessi di lobby che improntano il proprio business sulla mancata adozione di regole.

Lo stesso Antonello Soro, Presidente Garante privacy, ha manifestato la propria delusione per le conclusioni del Consiglio europeo sulla questione della protezione dei dati. Nella dichiarazione rilasciata dal Presidente, pubblicata anche sul sito del Garante, si legge infatti che “nel rispetto delle responsabilità e della complessità del processo decisionale del Consiglio europeo, è difficile tacere un sentimento di delusione per le conclusioni adottate in materia di protezione dei dati. Di fronte alla gravità dei recenti scandali e alla necessità di azioni concrete, si registra purtroppo una risposta che non è all´altezza delle aspettative e delle richieste di trasparenza dei cittadini europei”.

Riproduzione riservata ©

ALTRE NEWS

Sanità: inconcepibile il “silenzio assenso” sul consenso informato, ma esistono degli espedienti?

Alcuni medici ed amministratori di aziende sanitarie (pubbliche o private) si sono rivolti all’autorità competente lamentandosi del fatto che l’acquisizione del consenso al trattamento dei… Leggi Tutto

UPDATE: Comunicazione dati fatture: posticipata la scadenza del 16 (18) settembre

UPDATE: Un DPCM di prossima pubblicazione in Gazzetta Ufficiale, su proposta del Ministro dell’Economia e delle Finanze Pier Carlo Padoan, posticipa al 28 settembre 2017… Leggi Tutto

Biometria in azienda? Con cautela!

Dal Garante una interessante pronuncia in materia di privacy, dati biometrici e rapporto di lavoro. I fatti: una azienda richiede al Garante una pronuncia ex… Leggi Tutto

COLIN & PARTNERS

CHI SIAMO


Consulenza legale specializzata sul diritto delle nuove tecnologie

CONOSCIAMOCI
CHI SIAMO

Cultura e innovazione

SPEECH & EVENTI


Le nostre competenze a disposizione della vostra azienda

I prossimi appuntamenti

Colin Focus Day – GDPR e Compliance Software: la metodologia certificata di Colin & Partners

Appuntamento a Milano il 5 febbraio dalle ore 14.00.

Affronteremo i 5 temi chiave della Compliance di cui tiene ampiamente conto la metodologia certificata e lo schema di analisi di Colin & Partners.

CONTATTACI

OPERIAMO
A LIVELLO
GLOBALE


Tel. +39 0572 78166

Tel. +39 02 87198390

info@consulentelegaleinformatico.it

Compila il form