La nuova direttiva europea sulla musica online: un perfetto ‘balancing test’

03/03/2014
di Leonardo

business_9033681_xxlLa proposta di direttiva europea sui servizi di musica online si pone perfettamente in linea con le diverse esigenze dei soggetti coinvolti nel settore: standard comuni in materia di governance e di trasparenza per le società di gestione collettiva, tempi certi ed adeguatezza delle remunerazioni dovute agli artisti e licenze transfrontaliere, sono i punti cardine della direttiva. Un encomiabile “balancing test”  tra efficienza delle tutele e garanzie per i titolari dei diritti d´autore ed efficacia delle misure adottate per una maggiore competitività a livello internazionale, facilitando gli accessi ai contenuti online in tutta l´UE”.

Così la Dott.ssa Laura Marlia ha commentato la recente notizia di una nuova direttiva – ancora in fase di approvazione – che darà vita ad un mercato unico delle licenze per la musica utilizzata dei servizi oniline, rendendo più armonici ed equilibrati i meccanismi per la concessione delle licenze della musica fruita attraverso Internet.

Si tratta, per molti, di un notevole passo avanti nel mondo della musica in Rete, frutto di un processo durato un decennio, finalizzato non solo a rendere i procedimenti più snelli e dinamici ma anche più efficienti, grazie alla concessione di licenze valide oltre i confini nazionali e alla possibilità – per artisti ed etichette- di spingersi incontro a scenari di pubblico più vasti. Per tutelare maggiormente gli artisti, gli sfruttamenti delle opere – secondo quanto previsto dalla normativa dovranno essere tracciati – i detentori dei diritti avranno la facoltà di scegliere a quale società di gestione affidare le proprie opere.

La Direttiva stabilisce infine che “I titolari dei diritti hanno il diritto di concedere licenze per l´uso non commerciale di diritti, categorie di diritti o tipi di opere e altri materiali protetti di loro scelta“, a tutela degli attori che da anni auspicano ad una più imparziale disciplina del copyright.

Riproduzione riservata ©

ALTRE NEWS

Privacy Shield, il trasferimento dati negli Stati Uniti è sempre illecito?

Articolo Pubblicato da IOTtoday il 27 Novembre 2020 L’avv. Valentina Frediani di Colin & Partners Srl parla di come il Privacy Shield sia cambiato e cosa accade nel… Leggi Tutto

EXPO Milano: Internet of Things for Everything – L’Agenda

Mancano pochi giorni all’evento Colin & Partners, realizzato in collaborazione con Assinform, “Internet of Things for Everything – All’Expo la norma si fa attiva e… Leggi Tutto

Adiconsum e internt mobile

“Internet mobile deve essere urgentemente regolato” questo chiede Adiconsum agli operatori del settore. I provider promettono agli utenti cose che sanno di non poter mantenere,… Leggi Tutto

COLIN & PARTNERS

CHI SIAMO


Consulenza legale specializzata sul diritto delle nuove tecnologie

CONOSCIAMOCI
CHI SIAMO

Cultura e innovazione

SPEECH & EVENTI


Le nostre competenze a disposizione della vostra azienda

I prossimi appuntamenti

Colin Focus Day – GDPR e Compliance Software: la metodologia certificata di Colin & Partners

Appuntamento a Milano il 5 febbraio dalle ore 14.00.

Affronteremo i 5 temi chiave della Compliance di cui tiene ampiamente conto la metodologia certificata e lo schema di analisi di Colin & Partners.

CONTATTACI

OPERIAMO
A LIVELLO
GLOBALE


Tel. +39 0572 78166

Tel. +39 02 87198390

info@consulentelegaleinformatico.it

Compila il form