Privacy e trasparenza on line della PA: le nuove Linee guida del Garante

30/06/2014
di Leonardo

PrivacyPortano la data del 15 maggio le “Linee guida in materia di trattamento di dati personali, contenuti anche in atti e documenti amministrativi, effettuato per finalità di pubblicità e trasparenza sul web da soggetti pubblici e da altri enti obbligati” pubblicate dal Garante allo scopo di bilanciare le esigenze di pubblicità e trasparenza della Pubblica Amministrazione con i diritti e le libertà fondamentali, oltre che con la dignità delle persone. Si tratta di un quadro organico e armonico di accortezze che le PPAA devono adottare quando diffondono sui loro siti web dati personali dei cittadini.

Il Garante ha emanato le suddette linee guida alla luce del decreto legislativo n. 33/2013 titolato “Riordino della disciplina riguardante gli obblighi di pubblicità, trasparenza e diffusione di informazioni da parte delle pubbliche amministrazioni” entrato in vigore più di un anno fa, il 20 aprile del 2013. L’autorità, mediante il provvedimento sovracitato, tratta dell’obbligo di pubblicazione di dati e documenti che le PPAA devono effettuare on line sui propri siti internet per adempiere al principio di trasparenza della pubblica amministrazione, ma si sofferma anche sulla pubblicazione dei dati finalizzata a garantire altri obblighi di pubblicità degli atti amministrativi (es. pubblicazioni matrimoniali, deliberazioni sull´albo pretorio on line, avviso di deposito delle cartelle esattoriali, etc.).

Tra le principali raccomandazioni indicate nel provvedimento si rileva l’obbligo di pubblicare sui siti solo dati esatti, aggiornati e indispensabili, il divieto di diffondere informazioni sulla salute degli interessati, nonché tutti i dati sensibili riferibili ad un soggetto (etnia, religione, appartenenze politiche etc.) i quali possono essere diffusi solo laddove indispensabili al perseguimento di finalità di rilevante interesse pubblico. In tale categoria rientra, per esempio, il caso di persone invalide, disabili e soggetti in situazioni di disagio economico e tutti quelli rientranti nelle fasce deboli. Per gli stessi il Garante individua, infatti, una tutela maggiore come il divieto di indicare il dato sensibile nel testo dei provvedimenti pubblicati on line (ad esempio nell´oggetto, nel contenuto, etc.), ma menzionandolo solo negli atti a disposizione degli uffici (richiamati quale presupposto del provvedimento e consultabili solo da interessati e controinteressati), oppure indicare le delicate situazioni di disagio personale solo sulla base di espressioni di carattere più generale o, se del caso, di codici numerici.

E´ opportuno rilevare che il Garante concede la possibilità di utilizzo dei c.d. “open data”, limitandone comunque l’uso in quanto gli stessi non possono in alcun modo pregiudicare i diritti delle persone; in particolare l´Autorità ricorda che l´obbligo di pubblicare dati in “formato aperto” non comporta che tali dati siano anche “aperti”, cioè liberamente utilizzabili da chiunque per qualunque scopo.

Il Garante invita le PA ad inserire, a tal proposito, nella sezione denominata “Amministrazione trasparente” sui propri siti web un’apposita indicazione con lo scopo di informare il pubblico che i dati personali presenti sul sito sono riutilizzabili solo compatibilmente con gli scopi per i quali sono raccolti e nel sempre rispetto delle norme sulla privacy e che invece i dati sensibili e giudiziari non possono essere riutilizzati. Tratta inoltre dell’obbligo di pubblicare la dichiarazione dei redditi di politici e amministratori, vietando la pubblicazione di dati non pertinenti (stato civile, codice fiscale) o di dati sensibili (spese mediche, erogazioni di denaro ad enti senza finalità di lucro etc.).

Sono queste le principali indicazioni avanzate dal Garante per equilibrare i due lati di un´unica medaglia: il principio di trasparenza e la riservatezza. Non resta che attendere la loro pubblicazione.

Riproduzione riservata ©

ALTRE NEWS

Patent Box: i chiarimenti dell’Agenzia delle Entrate

Con Circolare n. 11/E del 7 Aprile 2016, Agenzia delle Entrate e Mise sciolgono i principali dubbi sollevati da associazioni di categoria e da professionisti… Leggi Tutto

Eredità digitale: sentenza innovativa ma prevenzione fondamentale!

Sentenza storica del Tribunale di Milano che riconosce il concetto di eredità digitale. I fatti: a seguito del decesso del figlio, i genitori avevano richiesto… Leggi Tutto

Dei delitti [modello 231] e delle pene: la Sicurezza fa quadrato!

Modello 231 nel settore ICT: tutela dell’impresa  e vantaggi organizzativi. Quattro argomenti chiave discussi da committenza aziendale, consulenza legale, ICT management e consulenza organizzativa e… Leggi Tutto

COLIN & PARTNERS

CHI SIAMO


Consulenza legale specializzata sul diritto delle nuove tecnologie

CONOSCIAMOCI
CHI SIAMO

Cultura e innovazione

SPEECH & EVENTI


Le nostre competenze a disposizione della vostra azienda

I prossimi appuntamenti

Colin Focus Day – GDPR e Compliance Software: la metodologia certificata di Colin & Partners

Appuntamento a Milano il 5 febbraio dalle ore 14.00.

Affronteremo i 5 temi chiave della Compliance di cui tiene ampiamente conto la metodologia certificata e lo schema di analisi di Colin & Partners.

CONTATTACI

OPERIAMO
A LIVELLO
GLOBALE


Tel. +39 0572 78166

Tel. +39 02 87198390

info@consulentelegaleinformatico.it

Compila il form