Sistemi intelligenti e verifica preliminare: il Garante dice SI’ alla Banca d’Italia

02/07/2014
di roberto

Videosorveglianzan risposta alla verifica preliminare presentata dalla Banca di Italia, il Garante si è espresso positivamente in relazione all’installazione di sistemi intelligenti presso la sede amministrativa centrale e delle filiali identificate nella richiesta, che consentono di perseguire finalità di sicurezza degli edifici e dei beni.

Nel provvedimento n. 259 del 22 giugno 2014, il Garante specifica che tra i sistemi di controllo ambientale descritti dall’istante, soltanto quelli riconducibili a “barriera allarme virtuale”, “zona di allarme virtuale” e “riconoscimento presenza persone”, sono idonee a rilevare in modo autonomo, segnalare e registrare comportamenti o eventi anomali.

Solo gli impianti sopracitati rientrano nelle ipotesi in cui la verifica ex art. 17 D.Lgs. 196/2003 è necessaria, contrariamente a quelle residue, proposte dallo Banca stessa, ovvero: sistemi di videosorveglianza abilitati a svolgere le funzioni di  “lettura targhe e identificazione mezzi“,  “motion detection digitale“,  “riconoscimento oggetto abbandonato o mancanza oggetto”, “automazione accesso su chiamata citofonica” e “conteggio”. Quest’ultimi rispondono solo a finalità di antintrusione e supporto safety, ma non avviano altre funzioni  (ad esempio quella di geolocalizzazione).

Il Garante, quindi, fornisce un ulteriore tassello nel quadro delle verifiche preliminari, aiutando i titolari dei dati a comprendere cosa comporti rischi specifici per i diritti e le libertà fondamentali, nonché per la dignità degli interessati, in relazione alla natura dei dati, alle modalità di trattamento o agli effetti che possono essere determinati (3.2.1 prov. Generale del garante 8 aprile 2010).

Riproduzione riservata ©

ALTRE NEWS

Effetti del Datagate. Le considerazioni di Antonello Soro, Garante della Privacy

L’esplosione dello scandalo Datagate ha minato ancora di più il fragile equilibrio della politica statunitense ed europea in ambito privacy e data protection. Tra gli… Leggi Tutto

TLC: in Germania vietato conservare i dati di traffico internet per tariffe

Non è possibile conservare i dati di traffico Internet oltre il termine della connessione se l’abbonato usufruisce di una tariffa “flat”. Una sentenza del tribunale… Leggi Tutto

Cyber Security Act per un digitale europeo garantito

La sicurezza Cibernetica o Cyber Security è, a buon motivo, al centro delle attenzioni delle Istituzioni Europee. Successivamente all’entrata in vigore della Direttiva NIS e… Leggi Tutto

COLIN & PARTNERS

CHI SIAMO


Consulenza legale specializzata sul diritto delle nuove tecnologie

CONOSCIAMOCI
CHI SIAMO

Cultura e innovazione

SPEECH & EVENTI


Le nostre competenze a disposizione della vostra azienda

I prossimi appuntamenti

Siamo felici di dare il nostro contributo in numerosi eventi che trattano di nuove tecnologie e business digitale sotto vari aspetti. Il nostro apporto si ispira ai temi di interesse legale che, sempre più spesso, coinvolgono l’intera organizzazione.

Inoltre, a cadenza mensile, organizziamo il Colin Focus Day, un incontro di approfondimento gratuito sempre molto apprezzato. A Milano, o in videoconferenza, il Colin Focus Day è occasione di confronto e networking su temi legali-informatici e business.

CONTATTACI

OPERIAMO
A LIVELLO
GLOBALE


Tel. +39 0572 78166

Tel. +39 02 87198390

info@consulentelegaleinformatico.it

Compila il form