Archiviazione della Posta elettronica: tra normativa e vantaggi di business

26/09/2014
di Emanuela Pasino

Posta Elettronica in azienda. E’ obbligatoria la conservazione? In quali modi e termini deve avvenire?

I dati registrano la crescita del numero di messaggi scambiati. L’archiviazione diventa fondamentale non solo per motivi di compliance normativa, ma anche per migliorare l’esperienza di lavoro e risparmiare risorse. Se ne è occupato l’ultimo appuntamento della WebTV di Achab al quale sono intervenuti, guidati da Paolo Galvani responsabile editoriale di ICTbusiness,it, l’Avv. Valentina Frediani e Andrea Veca, CEO di Achab.

L’Avv. Frediani ha delineato il quadro normativo specificando come, parlando di obbligo di conservazione e relative problematiche gestionali ed organizzative rispetto a quella su corrispondenza cartacea, si debba sempre partire da una politica aziendale che non demandi la responsabilità dell’archiviazione al singolo operatore.  Questo alla luce anche della normativa sulla privacy, che ne risulta coinvolta. Il provvedimento del Garante del primo marzo 2007 obbliga infatti le imprese ad adottare un Regolamento in materia di posta elettronica. Un Regolamento che le aziende conoscono ma che viene spesso recepito solo parzialmente. Per fare un esempio, è raro che tali regolamenti includano non solo l’uso della posta elettronica in azienda, ma anche cosa accade quando un account viene cancellato, quando ad esempio una risorsa esce dall’azienda. Chi può leggere la sua corrispondenza? Chi la conserva, come e per quanto tempo? Queste domande, se non contemplate in fase di analisi dall’azienda, possono lasciare delle sacche di non gestione che rappresentano un rischio. La parola d’ordine deve quindi essere prevenzione.

Una strategia tanto più efficace se si considera che, incrociando tali scenari con l’obbligo di conservazione della corrispondenza analogica che è fissato in 10 anni, emergono una serie di problematiche che attengono anche aspetti tecnici (spazio, sistemi di gestione, reperibilità dei messaggi, ecc.) che possono essere meglio compresi e risolti con un’analisi più accurata in fase di progettazione.

Andrea Veca, CEO di Achab Srl, ha ben chiare tali problematiche vista l’esperienza sul campo dal punto di vista delle soluzioni tecnologiche offerte. Un client di posta – sottolinea – non è un “archiviatore” e  il poter disporre del patrimonio informativo costruito nel tempo è fondamentale. Affidarsi alla buona volontà dell’operatore che costruisce un “albero” di cartelle nel proprio client, non può essere considerata una soluzione ottimale. Accedere ai propri messaggi serve, e rappresenta un vantaggio in termini di efficienza ed efficacia oltre a un risparmio in termini di costi, che non sempre è correttamente valorizzato.

In sintesi quindi, l’archiviazione della posta elettronica attraverso il raggiungimento della compliance normativa, può rappresentare uno stimolo ad una ottimizzazione interna che giovi al business.

Il video completo:

Riproduzione riservata ©

ALTRE NEWS

Fatturazione elettronica: un bilancio al 31 marzo

Da oggi, 31 marzo, l’obbligo di fatturazione elettronica fra privati e PA, operativa già dal 6 giugno sulla pubblica amministrazione centrale, raggiungerà il suo apice…. Leggi Tutto

Contraffazione dei segni distintivi in internet

Spesso le aziende possono essere oggetto di un danno economico derivante dalla contraffazione del proprio marchio sulla rete, mediante, in particolare, l’appropriazione da parte di… Leggi Tutto

NIS2
Attacchi ransomware: responsabilità anche di chi paga il riscatto?

Cosa è accaduto nel 2020… oltre al resto Il 2020 è stato caratterizzato da un aumento esponenziale degli attacchi informatici sia verso le aziende che… Leggi Tutto

COLIN & PARTNERS

CHI SIAMO


Consulenza legale specializzata sul diritto delle nuove tecnologie

CONOSCIAMOCI
CHI SIAMO

Cultura e innovazione

SPEECH & EVENTI


Le nostre competenze a disposizione della vostra azienda

I prossimi appuntamenti

Siamo felici di dare il nostro contributo in numerosi eventi che trattano di nuove tecnologie e business digitale sotto vari aspetti. Il nostro apporto si ispira ai temi di interesse legale che, sempre più spesso, coinvolgono l’intera organizzazione.

Inoltre, a cadenza mensile, organizziamo il Colin Focus Day, un incontro di approfondimento gratuito sempre molto apprezzato. A Milano, o in videoconferenza, il Colin Focus Day è occasione di confronto e networking su temi legali-informatici e business.

CONTATTACI

OPERIAMO
A LIVELLO
GLOBALE


Tel. +39 0572 78166

Tel. +39 02 87198390

info@consulentelegaleinformatico.it

Compila il form