Piani ispettivi del Garante: sanitario, call center, banche e gruppi immobiliari

25/02/2015
di roberto

L’attività ispettiva del Garante nel secondo semestre 2014 si chiude con un incremento del 20% rispetto all’anno precedente portando nelle casse dell’erario ben 5 milioni di euro.

web_14933486_xlViolazioni della privacy per la mancata adozione delle misure di sicurezza, omessa o carente informativa, uso illecito dei dati personali” hanno rappresentato le infrazioni riscontrate più frequentemente dall’Autorità durante i controlli effettuati presso Pubbliche Amministrazioni e imprese private. Tra le attività condotte dal Garante, oltre alle 385 ispezioni molte delle quali realizzate in team con le unità speciali della Guardia di Finanza-nucleo speciale Privacy, si annoverano inoltre 577 sanzioni amministrative e in fase di definizione e 39 segnalazioni all’autorità giudiziaria.

Gli accertamenti si sono concentrati su settori chiave per il trattamento dei dati personali e sensibili quali “laboratori di analisi, aziende farmaceutiche, app mediche, sistema informativo della fiscalità, gestori dei nodi di interscambio dei dati Internet (Ixp), banche, grandi alberghi, società che gestiscono sistemi di mobile payment, importanti gruppi di intermediazione immobiliare, i cosiddetti “compro oro”, operatori telefonici e call center”.

Nel mirino dell’Autorità dunque le attività dove vengono trattati e gestiti grandi quantità di dati dei cittadini, spesso poco informati sul reale utilizzo delle informazioni da parte di Pubbliche Amministrazioni e aziende private, le quali – a loro volta – si dimostrano ancora poco attente e scrupolose nel trattamento e nella gestione delle misure di sicurezza per tutelarli. Numerosi infatti gli episodi registrati dalle attività ispettive di trattamenti illeciti e mancata comunicazione all’Autorità e ai soggetti coinvolti delle violazioni avvenute (Data Breach).

Sul fronte delle segnalazioni pervenute all’autorità giudiziaria si annoverano la mancata adozione delle misure minime di sicurezza e le violazioni connesse al controllo a distanza dei lavoratori.

Non mancano poi episodi di accesso abusivo a sistemi informatici o telematici, false dichiarazioni e notificazioni al Garante e inosservanza dei provvedimenti dell’Autorità.

Per quanto riguarda l’attività ispettiva in programma per il primo semestre 2015 il Garante anticipa che il piano prevede – in aggiunta alla prosecuzione dei controlli intrapresi – ulteriori 150 accertamenti in collaborazione con il Nucleo speciale privacy delle Fiamme Gialle.

Sotto la lente d’ingrandimento, secondo quanto preannunciato dall’Autorità, il settore del mobile payment, con specifico riferimento alla tecnologia della Near Field Communication, l’ambito sanitario con il fascicolo sanitario elettronico e il dossier sanitario, il telemarketing e la realtà dei call center operanti all’estero.

Il piano ispettivo per i primi sei mesi del nuovo anno pone inoltre l’accento sulle verifiche che verranno effettuate in riferimento all’obbligo di informativa agli utenti e alla richiesta del consenso laddove sia reso necessario. Naturalmente oltre alle ispezioni pianificate non mancheranno gli accertamenti a fronte di segnalazioni e reclami specifici pervenuti al Garante.

Riproduzione riservata ©

ALTRE NEWS

L’abusiva duplicazione del software all’interno dell’azienda

Ad oggi pressoché tutte le aziende utilizzano software per lo svolgimento delle più svariate operazioni. Negli ultimi anni contemporaneamente alla diffusione di software ad uso… Leggi Tutto

Tecnocontrollo dei dipendenti, quando il Garante dice no

Su Punto Informatico, il commento dell’Avv. Valentina Frediani su un recente provvedimento del Garante che fa parlare nuovamente di privacy e controllo a distanza dei… Leggi Tutto

Gli impatti della GDPR per l’industria farmaceutica

Il settore farmaceutico si trova a gestire un’enorme quantità di informazioni, rendendo particolarmente complessa l’analisi del trattamento e dei flussi in relazione alle specifiche tipologie… Leggi Tutto

COLIN & PARTNERS

CHI SIAMO


Consulenza legale specializzata sul diritto delle nuove tecnologie

CONOSCIAMOCI
CHI SIAMO

Cultura e innovazione

SPEECH & EVENTI


Le nostre competenze a disposizione della vostra azienda

I prossimi appuntamenti

Siamo felici di dare il nostro contributo in numerosi eventi che trattano di nuove tecnologie e business digitale sotto vari aspetti. Il nostro apporto si ispira ai temi di interesse legale che, sempre più spesso, coinvolgono l’intera organizzazione.

Inoltre, a cadenza mensile, organizziamo il Colin Focus Day, un incontro di approfondimento gratuito sempre molto apprezzato. A Milano, o in videoconferenza, il Colin Focus Day è occasione di confronto e networking su temi legali-informatici e business.

CONTATTACI

OPERIAMO
A LIVELLO
GLOBALE


Tel. +39 0572 78166

Tel. +39 02 87198390

info@consulentelegaleinformatico.it

Compila il form