Internet of Things. Privacy e sicurezza i punti cardine della Consultazione del Garante

29/04/2015
di Leonardo

Considerata da molti una delle rivoluzioni tecnologiche che impatteranno con maggiore risonanza nelle nostre vite durante il prossimo decennio, quella dell’Internet of ThingsInternet delle Cose o IoT che dir si voglia  – porrà nuovi e importanti sfide non solo al mercato, ma soprattutto alla società.

domotica_23837758_xxlImpianti di riscaldamento che si accendono da remoto con lo smartphone, frigoriferi che segnalano la scadenza dei cibi, sistemi di trasporto in grado di aumentare automaticamente il numero delle corse sulla base degli accessi registrati ai tornelli,  orologi intelligenti che segnalano al nostro medico eventuali anomalie corporee” rappresentano solo alcuni delle infinite possibilità di utilizzo degli oggetti progettati per dialogare tra loro ed interagire direttamente senza la mediazione umana, come ha precisato il Garante nella nota dello scorso 26 marzo.

La crescita rapida ed impetuosa dell’Internet of Things, come spesso accade, non procede di pari passo allo sviluppo di best practise – sia sul piano normativo che dal punto di vista della governance tecnologica – in grado di disciplinarne l’utilizzo e di definire un perimetro d’azione per utenti ed operatori del settore.

La costante connessione di oggetti e sistemi eterogenei quali dispositivi mobili, ma anche wearable device e strutture di automazione domestica si traduce in una continua raccolta ed elaborazione di dati ed informazioni, molte delle quali riferite proprio agli utenti che li utilizzano, suscitando importanti interrogativi sul piano della sicurezza e della protezione dei dati personali.

La necessità di una presa di posizione risolutiva sul tema ha spinto il Garante ad avviare una consultazione pubblica – della durata complessiva di 180 giorni – attraverso cui verranno raccolti i pareri dei soggetti interessati –“a partire dal mondo dell’imprenditoria, dalla ricerca scientifica, dai consumatori” – sull’articolato fenomeno dell’Internet of Things in prospettiva di un regolamento che ne disciplini l’utilizzo.

In quest’ottica risulteranno di specifico interesse per l’Autorità  le  modalità di informazione degli utenti, gli eventuali elementi adottati sin dalla fase di progettazione dei prodotti/servizi a garanzia della privacy degli utenti (privacy by design), il ricorso a tecniche di cifratura ed anonimizzazione dei dati, la questione dell’interoperabilità dei servizi e l’adozione di strumenti di certificazione.

L’attività del Garante si inserisce in un preciso quadro d’azione, facendo da apripista – in un certo senso – all’ondata normativa del nuovo Regolamento Europeo in materia di privacy che detterà specifiche Linee Guida ed accrescerà notevolmente obblighi e responsabilità a capo degli operatori sul fronte della protezione dei dati.

Riproduzione riservata ©

ALTRE NEWS

IT Manager x.0: il futuro di una figura chiave in azienda

IT Director Forum 2015: si parla di innovazione a tutto tondo Dall’Internet of Things ai Bitcoins, dell’intelligenza artificiale alle nanotecnologie, senza dimenticare cybersecurity, cloud e Big… Leggi Tutto

LinkedIn e la reputation aziendale

George Orwell diceva che “Chi controlla il passato controlla il futuro. Chi controlla il presente controlla il passato”. Aggiungerei anche che chi regolamenta – con… Leggi Tutto

Contraffazione brand su siti web: rilevante il luogo di realizzazione del portale

La recente decisione del Tribunale di Torino chiarisce i criteri di individuazione del foro territorialmente competente nelle ipotesi di contraffazione del marchio avvenuta tramite siti… Leggi Tutto

COLIN & PARTNERS

CHI SIAMO


Consulenza legale specializzata sul diritto delle nuove tecnologie

CONOSCIAMOCI
CHI SIAMO

Cultura e innovazione

SPEECH & EVENTI


Le nostre competenze a disposizione della vostra azienda

I prossimi appuntamenti

Colin Focus Day – GDPR e Compliance Software: la metodologia certificata di Colin & Partners

Appuntamento a Milano il 5 febbraio dalle ore 14.00.

Affronteremo i 5 temi chiave della Compliance di cui tiene ampiamente conto la metodologia certificata e lo schema di analisi di Colin & Partners.

CONTATTACI

OPERIAMO
A LIVELLO
GLOBALE


Tel. +39 0572 78166

Tel. +39 02 87198390

info@consulentelegaleinformatico.it

Compila il form