Digital Single Market: pilastri ed effetti per le imprese

28/09/2015
di Leonardo

Leggi l’analisi completa su Corcom.it

Dopo aver creato e spronato la realizzazione del mercato unico Europeo, la Commissione Europea, ora guidata da Junker, si è posta l’obiettivo d’implementare il mercato unico digitale: per Digital Single Market s’intende, infatti, lo spazio online in cui è possibile la libera circolazione di beni, servizi e capitali, soggetti ad un’uniformità di regole e tutele.

EuropaIl mercato digitale non è certo di valore economico inferiore rispetto al mercato reale, ma sconta un evidente ritardo dovuto alla disomogeneità dei Paesi membri, che si traduce in pratiche discriminatorie per i consumatori, come il blocco geografico (geo-blocking) nell’e-commerce, oppure in maggiorazioni di tasse per le imprese nei divari amministrativi e normativi.

Concretamente, come ogni strategia europea, la Commissione ha presentato i tre pilastri necessari a ridurre le barriere che impediscono la realizzazione del mercato digitale e in grado di massimizzare un potenziale di crescita ancora sotto-utilizzato per le imprese europee.

  1. Migliorare l’accesso ai beni e ai servizi digitali in tutta Europa per i consumatori e per le imprese. Significa puntare ad un e-commerce più facile ed accessibile, ad un’effettiva libera commercializzazione dei prodotti online. Per realizzare questo obiettivo, innanzitutto, saranno necessarie nuove regole. Norme in materia di contratti e di tutela dei consumatori, norme sui contenuti digitali, come app ed e-book, norme per un diritto d’autore e di proprietà intellettuale di stampo europeo.
  2. Creare un contesto favorevole affinché le reti digitali ed i servizi innovativi possano realizzarsi. Significa creare un ecosistema, un incubatore in grado di sviluppare le nuove infrastrutture di comunicazione, di media e piattaforme online. Riguarda il tema caldo dell’integrazione tra economia audiovisiva e telecomunicazioni, ma anche la sicurezza dei servizi offerti e l’uso dei dati personali degli utenti.
  3. Massimizzare il potenziale della crescita digitale. Significa che tutti i settori industriali devono essere capaci di integrare le nuove tecnologie sia nei loro processi aziendali e produttivi, sia negli skills dei loro organici. Si parla di Internet of Things e cloud computing, settori che generano un’enorme quantità di dati di utenti. Una nuova economia basata sull’utilizzo dei Big Data e sulla loro libera circolazione, è già in atto e la Commissione Europea si propone di rafforzarla attraverso l’iniziativa European Free Flow of Data.

Da questo punto di vista, la realizzazione del Digital Single Market, è subordinata all’approvazione del Regolamento sulla Data Protection: l’armonizzazione delle norme a tutela del dato personale è la cornice indispensabile per rafforzare la fiducia nelle reti e nelle transazioni commerciali.

Per questo motivo, le previsioni del Data Breach e il principio della Privacy by design dovranno essere i punti di riferimento per le aziende che vorranno entrare e giocare la partita nel Digital Sigle Market, come analizzato dall’Avv. Valentina Frediani nell’articolo pubblicato su Cor.Com: non solo l’omogeneità normativa, dunque, ma anche gli strumenti e i prodotti di business contribuiranno allo sviluppo delle transazioni di beni e di dati delle imprese che vorranno implementare la loro attività nel mercato unico digitale.

 

Riproduzione riservata ©

ALTRE NEWS

La tecnologia nelle imprese secondo l’Istat

A conclusione del 2014, l’Istituto nazionale di statistica ha pubblicato il report Le tecnologie dell’informazione e della comunicazione nelle imprese, relativo alle tendenze dell’ICT, del Cloud… Leggi Tutto

Viacom – YouTube: l’identificabilità in rete

YouTube (e quindi Google) ha vinto, Viacom ha perso. E’ finita così, almeno per ora, la causa pluriennale iniziata nel 2007.  La società Viacom aveva… Leggi Tutto

DPO e avvisi pubblici. Requisiti privi di attinenza. Prime sentenze in Italia

Nomina del Responsabile per la Protezione dei Dati e Pubblica Amministrazione. A pochi mesi dal fatidico traguardo del 25 maggio, nascono i primi dibattiti in… Leggi Tutto

COLIN & PARTNERS

CHI SIAMO


Consulenza legale specializzata sul diritto delle nuove tecnologie

CONOSCIAMOCI
CHI SIAMO

Cultura e innovazione

SPEECH & EVENTI


Le nostre competenze a disposizione della vostra azienda

I prossimi appuntamenti

Colin Focus Day – GDPR e Compliance Software: la metodologia certificata di Colin & Partners

Appuntamento a Milano il 5 febbraio dalle ore 14.00.

Affronteremo i 5 temi chiave della Compliance di cui tiene ampiamente conto la metodologia certificata e lo schema di analisi di Colin & Partners.

CONTATTACI

OPERIAMO
A LIVELLO
GLOBALE


Tel. +39 0572 78166

Tel. +39 02 87198390

info@consulentelegaleinformatico.it

Compila il form