Giovanni Buttarelli al Privacy Day: svolta normativa alle porte

30/10/2015
di Leonardo

Regolamento Europeo alle porte

Giovanni Buttarelli - Privacy Day e Regolamento EuropeoA distanza di ormai venti anni dall’emanazione della direttiva 95/46 che ha dato vita al nostro attuale Codice della Privacy, il Garante Europeo della Privacy, Giovanni Buttarelli, in occasione del 5° Privacy Day organizzato da Federprivacy, in video conferenza da Bruxelles ha annunciato che entro poche settimane si arriverà all’accordo politico sul nuovo Regolamento Europeo della privacy e protezione dei dati.

Tale accordo politico, frutto di un lavoro di oltre un quadriennio, comporterà, a differenza di oggi, una omologazione della disciplina in tutti e 28 i paesi Europei andando, quindi, a eliminare le divergenze a oggi presenti nei paesi UE in tema di privacy.

Il regolamento Europeo si prefigge di disciplinare la materia per almeno venti anni e per far ciò, afferma Buttarelli, occorrerà una forte cooperazione tra tutti gli attori interessati al fine di offrire una efficace tutela dei diritti e libertà fondamentali della persona che possa essere efficace anche con il naturale e rapido sviluppo tecnologico.

Big Data e Privacy

Il Garante Europeo ha evidenziato inoltre, il ruolo fondamentale che avranno i Big Data nell’immediato futuro e la necessità di regolamentare tali tecnologie in modo da offrire una tutela agli individui quali persone e non soltanto quali utenti passivi, consumatori o abbonati. I Big Data si dovranno inserire in un contesto di tutela della privacy e dei dati che garantisca fiducia alle persone circa il trattamento dei loro dati affermando, inoltre, che un business etico non può che trarre beneficio da un nuovo quadro normativo chiaro e omogeneo.

Le figure professionali necessarie

Dal nuovo regolamento Europeo in tema di privacy e protezione dei dati scaturiranno la necessità per chi gestisce i dati di dotarsi di nuove figure professionali, quali Data Protection Officer e il Data Consultant.

La necessità di tali figure professionali in relazione al nuovo regolamento Europeo è fortemente sentita dagli addetti ai lavori, infatti, in occasione del Privacy Day, l’UNI, l’ente di normazione nazionale, ha diffuso i risultati di una ricerca condotta su oltre 1.000 aziende dove è emerso che le figure professionali più ricercate al fine di meglio attenersi al regolamento europeo sono: consulenti e avvocati specializzati in materia (29,3%), privacy officer (28,8%) e il responsabile privacy aziendale (19,7%).

Riproduzione riservata ©

ALTRE NEWS

Sanità: stop a nomi disabili sul sito della Regione Puglia

No alla pubblicazione dei dati sanitari in Internet. Il principio è stato ribadito dal Garante che ha vietato alla regione Puglia la diffusione dei dati sullo stato… Leggi Tutto

Inviare sms non è molestia!

Inviare sms indesiderati non è configurabile come reato di molestia. Questo quanto stabilito dalla Corte di Cassazione con sentenza n. 18449/2005, a seguito di ricorso… Leggi Tutto

Data Protection Officer: obbligo di comunicazione dei dati di contatto

Obbligo di comunicazione del nominativo del Responsabile per la Protezione dei dati (Data Protection Officer) entro il 25 maggio 2018. A disciplinare tale adempimento è… Leggi Tutto

COLIN & PARTNERS

CHI SIAMO


Consulenza legale specializzata sul diritto delle nuove tecnologie

CONOSCIAMOCI
CHI SIAMO

Cultura e innovazione

SPEECH & EVENTI


Le nostre competenze a disposizione della vostra azienda

I prossimi appuntamenti

Colin Focus Day – GDPR e Compliance Software: la metodologia certificata di Colin & Partners

Appuntamento a Milano il 5 febbraio dalle ore 14.00.

Affronteremo i 5 temi chiave della Compliance di cui tiene ampiamente conto la metodologia certificata e lo schema di analisi di Colin & Partners.

CONTATTACI

OPERIAMO
A LIVELLO
GLOBALE


Tel. +39 0572 78166

Tel. +39 02 87198390

info@consulentelegaleinformatico.it

Compila il form