Link ad opere protette da copyright lecito se non c’è fine di lucro

29/09/2016
di Giulia Rizza

La pubblicazione di link ad opere protette dal diritto d’autore e disponibili su un altro sito web senza l’autorizzazione dell’autore, si presume illegittima quando i collegamenti ipertestuali sono forniti a fini di lucro. In tali casi, infatti, è ragionevole ritenere che siano state svolte le dovute verifiche per garantire che l’opera non sia stata illegittimamente pubblicata.

La Corte di Giustizia U.E. (Causa C-160/15) era stata interpellata nell’ambito di una controversia tra un noto sito web di rivelazioni scandalistiche dei Paesi Bassi ed una famosa rivista statunitense, che contestava al rotocalco on-line la pubblicazione sul proprio portale di un articolo ed un link ad un sito australiano dove erano state pubblicate senza autorizzazione alcune fotografie di titolarità della rivista.

Nel corso del procedimento, la Corte di Cassazione dei Paesi Bassi ha sollevato questione pregiudiziale relativamente alla interpretazione della direttiva comunitaria 2001/29/CE sull’armonizzazione del diritto d’autore e dei diritti connessi nella società dell’informazione, chiedendo in particolare di chiarire se pubblicare link verso opere protette, liberamente disponibili su un altro sito web senza l’autorizzazione dell’autore, costituisca “comunicazione al pubblico”. La direttiva, infatti, stabilisce che ogni atto di comunicazione di un’opera al pubblico debba essere autorizzato dal titolare del diritto d’autore.

prop_intell_6496911_xxlCon la recente decisione la Corte, richiamando la precedente giurisprudenza sul punto, ricorda in primo luogo che la nozione di “comunicazione al pubblico” comporta una valutazione del caso di specie che deve tenere conto di numerosi criteri, tra cui assumono particolare rilevanza il carattere intenzionale e lo scopo lucrativo dell’intervento. Di conseguenza, si ha comunicazione al pubblico ai sensi della normativa a tutela del diritto d’autore, quando l’utente che pubblica il collegamento interviene con piena consapevolezza degli effetti del suo comportamento. Inoltre, per giurisprudenza consolidata, non sussiste comunicazione al pubblico nel caso in cui le opere linkate siano state pubblicate con il consenso del titolare.

Quando però tale consenso manca, è opportuno considerare, da un lato, l’importanza rivestita da Internet e dai link per la libertà di informazione ed il libero scambio di opinioni, e dall’altro le oggettive difficoltà che l’utente (verosimilmente un privato) potrebbe avere nel verificare se i titolari dei diritti d’autore abbiano autorizzato la pubblicazione.

La Corte ha quindi ritenuto che, nelle ipotesi in cui un link a opere senza autorizzazione del titolare venga pubblicato senza fini di lucro, sia ragionevole sostenere che la persona che ha collocato il collegamento non fosse a conoscenza della illegittimità della pubblicazione in quanto, di regola, non agisce con piena cognizione delle conseguenze del suo comportamento.

Quando, invece, sussiste un fine di lucro, è legittimo aspettarsi che l’autore del collegamento abbia realizzato le verifiche opportune per garantire che l’opera non sia stata illegittimamente pubblicata, dovendosi quindi presumere che la pubblicazione del link sia avvenuta con piena cognizione della circostanza che l’opera è protetta e che l’autore potrebbe non averne autorizzato la divulgazione.

In dette ipotesi, salvo prova contraria, la pubblicazione di un link ad un’opera illegittimamente pubblicata on-line costituisce una “comunicazione al pubblico”, vietata in assenza di autorizzazione del titolare dei diritti sull’opera stessa.

Riproduzione riservata ©

ALTRE NEWS

Al via il ciclo di incontri sul Diritto Informatico

E’ un mondo in continua evoluzione quello della tutela e della sicurezza delle informazioni, l’elemento normativo deve aggiornarsi continuamente per gestire in modo efficace i… Leggi Tutto

Regolamento Europeo dati personali: la riforma diventa realtà

Dopo quattro anni di dibattiti, finalmente, il tanto atteso Regolamento Europeo sulla protezione dei dati personali è vicino alla linea di traguardo. Si sono conclusi… Leggi Tutto

Cybersecurity: le strategie per affrontare le recenti sfide alla sicurezza informatica

Gli attacchi informatici sono in costante aumento: dall’analisi degli ultimi report sul tema emerge come solo nel primo semestre del 2021 gli attacchi, o tentativi… Leggi Tutto

COLIN & PARTNERS

CHI SIAMO


Consulenza legale specializzata sul diritto delle nuove tecnologie

CONOSCIAMOCI
CHI SIAMO

Cultura e innovazione

SPEECH & EVENTI


Le nostre competenze a disposizione della vostra azienda

I prossimi appuntamenti

Colin Focus Day – GDPR e Compliance Software: la metodologia certificata di Colin & Partners

Appuntamento a Milano il 5 febbraio dalle ore 14.00.

Affronteremo i 5 temi chiave della Compliance di cui tiene ampiamente conto la metodologia certificata e lo schema di analisi di Colin & Partners.

CONTATTACI

OPERIAMO
A LIVELLO
GLOBALE


Tel. +39 0572 78166

Tel. +39 02 87198390

info@consulentelegaleinformatico.it

Compila il form