Data Protection Officer: obbligo di comunicazione dei dati di contatto

14/05/2018
di Redazione Colin Partners

Obbligo di comunicazione del nominativo del Responsabile per la Protezione dei dati (Data Protection Officer) entro il 25 maggio 2018. A disciplinare tale adempimento è il paragrafo 7 dell’articolo 37 del Regolamento Europeo Privacy UE/2016/679 (GDPR), imponendo sia ai soggetti pubblici che privati la trasmissione all’Autorità di Controllo dei dati di contatto del proprio DPO, laddove sia stato designato.

Titolari del trattamento e Responsabili devono quindi attivarsi per rispondere a questa disposizione, finalizzata – secondo la nota rilasciata dal Garante italiano – a “garantire che le autorità di controllo possano contattare il Responsabile della Protezione dei Dati in modo facile e diretto, come chiarito nelle Linee guida sui Responsabili della Protezione dei Dati (RPD) adottate dal Gruppo Articolo 29 (WP 243 rev. 01 – punto 2.6)

Nella medesima nota l’Autorità – citando l’art. 39 par.1 lettera e) del Regolamento – ricorda infatti che il Responsabile della Protezione dei dati funge da “punto di contatto” tra l’ente o azienda ed il Garante.

Sul Sito del Garante è disponibile la procedura per la comunicazione dei dati di contatto del Responsabile della Protezione dei Dati. Al seguente link http://www.garanteprivacy.it/web/guest/home/docweb/-/docweb-display/docweb/8868525 è possibile prendere visione della procedura online per la comunicazione del nominativo.

La nota fornisce agli utenti le informazioni necessarie per procedere all’ espletamento della pratica. Per facilitare l’individuazione degli step operativi, riportiamo di seguito le istruzioni rese note dall’Autorità:

La suddetta attività è compresa, lo ricordiamo, negli obblighi previsti dalla nuova cornice normativa e, come tale, il mancato rispetto rientra nel quadro sanzionatorio contemplato dal GDPR. La necessità di procedere rapidamente alla comunicazione dei contatti è rafforzata dalla facilità con cui è possibile identificare i soggetti inadempienti.

Riproduzione riservata ©

ALTRE NEWS

Inviare sms non è molestia!

Inviare sms indesiderati non è configurabile come reato di molestia. Questo quanto stabilito dalla Corte di Cassazione con sentenza n. 18449/2005, a seguito di ricorso… Leggi Tutto

Legge sui dati UE: rinviata al 2015

Nuova vittoria per i colossi americani della tecnologia che sono riusciti ad ottenere il rinvio per almeno un altro anno dell’introduzione di norme più severe… Leggi Tutto

Cybercrime ed aziende: il social engineering

L’innovazione digitale per le aziende ha rappresentato, e tuttora rappresenta visto l’elevatissimo tasso di sviluppo imposto dal mercato e dal contesto tecnologico in cui le… Leggi Tutto

COLIN & PARTNERS

CHI SIAMO


Consulenza legale specializzata sul diritto delle nuove tecnologie

CONOSCIAMOCI
CHI SIAMO

Cultura e innovazione

SPEECH & EVENTI


Le nostre competenze a disposizione della vostra azienda

I prossimi appuntamenti

Siamo felici di dare il nostro contributo in numerosi eventi che trattano di nuove tecnologie e business digitale sotto vari aspetti. Il nostro apporto si ispira ai temi di interesse legale che, sempre più spesso, coinvolgono l’intera organizzazione.

Inoltre, a cadenza mensile, organizziamo il Colin Focus Day, un incontro di approfondimento gratuito sempre molto apprezzato. A Milano, o in videoconferenza, il Colin Focus Day è occasione di confronto e networking su temi legali-informatici e business.

CONTATTACI

OPERIAMO
A LIVELLO
GLOBALE


Tel. +39 0572 78166

Tel. +39 02 87198390

info@consulentelegaleinformatico.it

Compila il form