Ransomware, quali rischi per l’Internet of Things

16/11/2021
di Giulia Rizza

È del 20 ottobre scorso la notizia del ransomware S.I.A.E., rivendicato dal gruppo Everest Ransom Team che avrebbe richiesto 3 milioni per non divulgare i 60 GB di dati esfiltrati, tra cui risulterebbero documenti d’identità e dichiarazioni di paternità di opere.

Il ransomware è un malware che, tendenzialmente, blocca l’accesso ai sistemi o ai file e chiede il pagamento di un riscatto per renderli nuovamente accessibili e/o non divulgarli.

La S.I.A.E., che non sembrerebbe intenzionata a cedere al ricatto, ha proceduto alle opportune notifiche del breach al Garante Privacy, e si attendono gli sviluppi della vicenda.

Facendo seguito alla raccomandazione della Commissione U.E. sull’istituzione di un’unità congiunta per il cyberspazio al fine di affrontare l’aumento del numero di incidenti di cybersicurezza gravi che colpiscono i servizi pubblici, le imprese e i cittadini in tutta l’Unione Europea, il Consiglio dell’U.E. ha recentemente invitato l’U.E. e gli Stati membri a implementare politiche in tema di cybersicurezza comuni, auspicando una reazione rapida dell’U.E. in risposta agli incidenti, anche con congiunte politiche volte a contrastare l’aumento di attacchi e di richieste di riscatti sempre più elevati.

Il ransomware, con le sue ripercussioni anche indirette di forte impatto (es. blocchi di produzione, divulgazione segreti industriali, danni di immagine ect.), è diventata una delle principali minacce informatiche affrontate dagli individui e dalle organizzazioni. E l’IoT è uno dei settori maggiormente presi di mira dagli attacchi ransomware.

Le ragioni sono molteplici, scoprile nell’articolo completo su IOTtoday

Riproduzione riservata ©

ALTRE NEWS

TLC: conservazione dei dati di traffico, il parere dei Garanti Ue

Conservare i dati di traffico interferisce con il diritto fondamentale alla riservatezza delle comunicazioni; dunque, è possibile ricorrervi solo in casi eccezionali, per motivate e… Leggi Tutto

Antivirus: non aggiornare è reato!

Qualche anno fa il virus Kamasutra aveva mandato in tilt i PC del Comune di Milano: la questione si era conclusa con una pessima figura… Leggi Tutto

GDPR: la costruzione di un sistema di gestione privacy passa dalla formazione

Nel 2017 il mercato digitale ha segnato un +2,3%, proseguendo la sua crescita e registrando importanti cambiamenti in termini di domanda ed offerta. A confermare… Leggi Tutto

COLIN & PARTNERS

CHI SIAMO


Consulenza legale specializzata sul diritto delle nuove tecnologie

CONOSCIAMOCI
CHI SIAMO

Cultura e innovazione

SPEECH & EVENTI


Le nostre competenze a disposizione della vostra azienda

I prossimi appuntamenti

Colin Focus Day – GDPR e Compliance Software: la metodologia certificata di Colin & Partners

Appuntamento a Milano il 5 febbraio dalle ore 14.00.

Affronteremo i 5 temi chiave della Compliance di cui tiene ampiamente conto la metodologia certificata e lo schema di analisi di Colin & Partners.

CONTATTACI

OPERIAMO
A LIVELLO
GLOBALE


Tel. +39 0572 78166

Tel. +39 02 87198390

info@consulentelegaleinformatico.it

Compila il form