W-ALL

Whistleblowing: obblighi, modalità di applicazione e supporto

SOLUZIONI

W-ALL


Normativa Whistleblowing

Direttiva Whistleblowing

Il 15 marzo 2023 è stato pubblicato in Gazzetta Ufficiale il D.lgs. 24/2023 che recepisce, anche in Italia, la Direttiva 2019/1937 sul whistleblowing. Trova applicazione sia nel pubblico (senza distinzioni) che nel privato:

  • dal 15 luglio 2023 per le organizzazioni con più di 249 dipendenti e dal 17 dicembre 2023 alle aziende con più di 50 dipendenti e meno di 249;
  • le aziende che operano nei settori regolamentati a livello europe;
  • le aziende che adottano modelli di organizzazione, gestione e controllo ai sensi del DLgs 231/01 anche se nell’ultimo anno non hanno raggiunto la media di almeno cinquanta lavoratori subordinati.

 

Scarica il nostro Flyer

SOLUZIONI

W-All


La gestione Whistleblowing all inclusive

Contattaci

W-All la soluzione Whistleblowing all inclusive

Gli obblighi normativi

Il Decreto 24/2023 impone alla PA ed a tutte le aziende con più di 50 dipendenti o che avendone meno applicano comunque il Decreto 231/2001, di adottare un canale di segnalazione degli illeciti elencati nel testo normativo. Le segnalazioni devono poter essere inoltrate in modo anonimo ma con possibilità di interazione. La gestione del canale deve essere effettuata da soggetti competenti interni o esterni all’azienda o alla PA.

I rischi da gestire

La mancata adozione del canale di segnalazione o l’erronea adozione e gestione dello stesso, espongono il soggetto obbligato a conseguenze sanzionatorie da 10.000 a 50.000 euro, ispezione dell’ANAC, problematiche di natura anche giuslavoristica in caso di violazione delle prescrizioni a tutela del segnalante.

Come interviene Colin&Partners

W-ALL è il servizio Whistleblowing chiavi in mano, che include la gestione delle segnalazioni tramite piattaforma privacy by design, lo studio ed il rilascio di tutti i documenti atti a formalizzare la gestione del canale, le procedure organizzative e gli adeguamenti lato privacy oltre a soddisfare gli obblighi formativi minimi.

 

OUTPUT

  • Piattaforma
  • Atti organizzativi per la gestione del canale (regolamento e designazione)
  • Procedure organizzative
  • Documentazione privacy
  • Formazione